Muore a 14 anni per un tumore, l’amica aveva raccolto i fondi per curarla


Ha lavorato per raccogliere i fondi per curare la sua amica Lily Wythe. Un gesto d’amore che non è servito per salvarle la vita. Lily Wythe è infatti morta poco dopo. Aveva scoperto solo 5 mesi fa di avere una rara forma di cancro molto aggressiva. Da quel momento lei con la famiglia ha iniziato una dura battaglia contro il tumore e la sua migliore amica, Lillie Cotgrove, ha avviato una raccolta fondi per delle cure sperimentali molto costose a cui avrebbe dovuto sottoporsi.

La 13enne era riuscita a raccogliere oltre 230 mila sterline in poche settimane, ma purtroppo Lily è morta prima che potesse partire negli Usa. A Lily Wythe è stato diagnosticato un glioma pontino intrinseco diffuso di alta qualità (DIPG). I suoi cari erano venuti a conoscenza di un programma negli Usa sperimentale per questo tipo di malattia, ma purtroppo le condizioni della 14enne si sono aggravate molto in fretta. Continua dopo la foto







Purtroppo non ha potuto sottoporsi in tempo alle cure necessarie perché non aveva soldi e alla fine ha perso la sua lotta per la vita. A dare la notizia è stata la sua stessa famiglia dalla pagina Facebook che aveva creato come supporto per Lily Wythe. Il tumore al tronco encefalico è conosciuto scientificamente come DIPG, acronimo di glioma pontino intrinseco diffuso, esso è un tumore situato nel ponte del tronco cerebrale. Continua dopo la foto






Il glioma è un tipo di tumore che inizia nelle cellule gliali, tipologie di cellule non neurali, situate nel sistema nervoso centrale e periferico. Il DIPG, quindi non è altro che un glioma del tronco cerebrale, che è la porzione più bassa del cervello, che collega il cervello con il midollo spinale. La maggior parte dei tumori del tronco cerebrale si verifica nel ponte, crescendo tra i nervi, quindi non possono essere rimossi chirurgicamente. Continua dopo la foto



 


DIPG ha un tasso di sopravvivenza a 5 anni (<1%). La sopravvivenza globale mediana dei bambini diagnosticati con DIPG è di circa 9 mesi. I tassi di sopravvivenza a 1 e 2 anni sono rispettivamente di circa il 30% e meno del 10%. Queste statistiche rendono DIPG uno dei tumori pediatrici più devastanti. Sebbene il 75-85% dei pazienti mostri un miglioramento dei sintomi dopo la radioterapia, i DIPG quasi sempre ricominciano a crescere. Gli studi clinici hanno riportato che il tempo mediano tra la radioterapia e la progressione è di 5-8,8 mesi. I pazienti i cui tumori iniziano a crescere di nuovo possono beneficiare di un trattamento sperimentale attraverso studi clinici per cercare di rallentare o arrestare la crescita del tumore. Tuttavia, gli studi clinici non hanno mostrato alcun beneficio significativo dalle terapie sperimentali DIPG finora.

Ti potrebbe interessare: “È successo in ascensore”. Caso Morgan-Bugo, il retroscena arriva da Bianca Guaccero

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it