Sbranato dal suo cane, 25 enne muore dopo 2 giorni di agonia


Sbranato dal suo pitbull. Un storia che viene dall’Illinois, Stati Uniti d’America, e ha per protagonista un ragazzo di 25 anni. Per il ragazzo non c’è stato niente da fare, troppo gravi le lesioni riportate. Devin White, questo il nome della vittima, stava passando la serata di sabato 8 febbraio 2020 con alcuni parenti.

Secondo un primo resoconto, il cane si sarebbe innervosito durante una lite familiare e quando il padrone ha tentato di fermarlo si è scagliato contro di lui riducendogli gambe e braccia a brandelli. I presenti hanno cercato di separare il pitbull dal giovane, ma nel tentativo sono rimasti anch’essi feriti pur senza conseguenze gravi. Continua dopo la foto








Hanno quindi immediatamente chiamato la Polizia, che ha abbattuto l’animale, e gli operatori sanitari che hanno trasportato d’urgenza Devin in ospedale dove è deceduto dopo due giorni dopo. Sconvolti i suoi familiari, che hanno spiegato come prima d’ora il pitbull non aveva mai dato segnali di aggressività, tanto che stava anche a contatto con i bambini piccoli. Continua dopo la foto






“Io e i miei cugini abbiano figli di età inferiore a 5 anni e giocavano con lui. Non avremmo mai pensato che fosse aggressivo e che avremmo dovuto proteggere la nostra famiglia da lui“, ha spiegato Samantha Costilla, cugina della vittima. Un’altra parente ha aggiunto che ad un certo punto il pitbull è diventato incontrollabile e che Devin ha combattuto per cercare di salvare suo fratello e gli altri coinvolti. Continua dopo la foto



 


Una tragedia che ha sconvolto la comunità locale ma anche gli stessi familiari dell’uomo secondo i quali il cane non aveva mai dato problemi di alcun tipo e non aveva mai morso nessuno. “Non aveva mai dato segnali di aggressività, lo lasciavamo anche girare tra i nostri bambini piccoli” ha spiegato una cugina del 25enne ai media locali. Il pitbull è stato abbattuto dalla polizia che era intervenuta sul poto

Ti potrebbe interessare: GF Vip, Pago in tilt per Serena Enardu: “Sono stanco”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it