“Prendete la medicina, così dormirete meglio”. Una storia choc che ha sconvolto un paese intero: mamma e papà, entrambi giovanissimi, usavano questa parole dolci per convincere i loro tre figli ad assumere quella sostanza


 

Una storia terribile, agghiacciante, che ha sconvolto gli utenti di tutto il mondo. Protagonista una giovane coppia, 24 anni lei e 25 lui, che hanno costretto i loro tre bambini a vivere in una casa letteralmente invasa di ratti, sporcizia e siringhe. I due sono infatti noti per il consumo di stupefacenti, ma non bastasse ecco arrivare il dettaglio choc: i folli genitori avrebbero infatti iniettato eroina ai bambini, spiegando loro di volta in volta che si trattava di una “medicina per stare meglio” o di un “sonnifero per dormire sereni”. Protagonisti di questa atroce vicenda, raccontata sulle pagine del Daily Mail, sono Ashlee Hitt e Leroy McIver, entrambi americani e residenti a Washington. Lui si trova già in carcere, arrestato a novembre per maltrattamenti su minori dopo che un amico di famiglia aveva avvisato le forze dell’ordine dopo aver visto strani segni sulle braccia di uno dei piccoli.

(Continua a leggere dopo la foto)








 

Dalle indagini era poi emerso che Leroy aveva percosso e soffocato il bimbo per convincerlo a prendere la “medicina”, in realtà appunto eroina che veniva somministrata contro la volontà dei minori. Accuse confermate quando le analisi effettuate su uno dei tre figli, di soli 2 anni, era risultato positivo ai test effettuati per verificare la presenza di sostanze stupefacenti nel suo organismo.

(Continua a leggere dopo la foto)

 






 



I tre bambini sono ora stati sottratti ai due, che dovranno rispondere di una lunghissima serie di capi d’accusa. “Ci capita spesso purtroppo di trovarci di fronte famiglie che vivono in situazioni di estrema sporcizia – ha spiegato un portavoce della polizia statunitense – ma una cosa del genere non l’avevamo mai vista. Atroce, davvero atroce”.

Si inietta l’ennesima dose di eroina, poi si accascia, sviene e partorisce il bimbo che in grembo. E quella piccola vita va incontro ad un destino orribile

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it