Vladimir Putin presenta Satan 2, il nuovo missile nucleare: ”Riuscirebbe a distruggere la Francia”


 

Si chiama “Satan 2” ed è un nuovo ordigno nucleare allo studio delle forze militari russe. Il missile, provvisto di 16 testate atomiche e di un raggio d’azione di 10mila chilometri, potrebbe annientare un’area pari a quella del Texas o della Francia. Fonti moscovite ne annunciano la messa a punto entro il 2018, facendo salire subito la tensione fra Nato e Cremlino e Vladimir Putin spaventa il mondo con l’ennesima prova di forza. Secondo gli analisti militari americani, le novità riguarderebbero soprattutto l’elettronica del missile, resa più precisa rispetto ai precedenti modelli. Invece sarebbero invariati la potenza e il raggio del dispositivo. L’ordigno, secondo quanto riportano alcune fonti russe, potrebbe essere pronto entro il 2018, un’arma destinata a sostituire gli attuali SS 18.

(Continua a leggere dopo la foto)







Con un raggio d’azione di circa 10 mila chilometri il Satan ”è in grado di sconvolgere con le sue testate multiple un’area grande quanto la Francia o il Texas”, proclama l’agenzia Sputnik, voce propagandistica del Cremlino.

(Continua a leggere dopo la foto)

 






 

La notizia del Satan 2 accompagna quelle sul lungo viaggio della flottiglia russa guidata dalla portaerei Kuznetsov e diretta in Siria. Non appena è partita dalla base di Severomorsk è stata subito ”filata” da numerose unità della Nato che hanno diffuso foto e indicato la posizione della nave.

La task force dovrebbe raggiungere le acque siriane entro i primi giorni di novembre. La sorveglianza della Kuznetsov si è tramutata in una grande esercitazione dell’apparato atlantico, con il coinvolgimento di aerei, sommergibili e fregate norvegesi, britanniche, portoghesi, spagnole.

“Ti amo, Putin. Esci dal Cremlino e sposami!”. Incredibile ma vero: una ragazza italiana si è spogliata al centro della Piazza Rossa di Mosca e ha gridato questa frase. La risposta del presidente russo, naturalmente, non si è fatta attendere…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it