Impossibile! “E’ nata due volte”. E non sono parole campate in aria. La sua storia ha davvero dell’incredibile. Vittima nel grembo materno di una malattia che non lascia scampo, ha rivoluzionato ogni conoscenza medica


 

Quando Lynlee Hope Boemer crescerà potrà chiedere ai suoi genitori di festeggiare un doppio compleanno: il primo per ricordare la volta che è venuta al mondo per essere salvata, la seconda per commemorare la straordinaria forza della vita che riesce a sconfiggere ogni pronostico. Perché Lynlee è, a tutti gli effetti, la bimba che nacque due volte. Non si tratta di un eufemismo, ma di un vero miracolo della chirurgia fetale e di un team di medici del Children’s Hospital. Tutto è iniziato durante un normale controllo di routine. La mamma, scrive Federica Macagnone del Messaggero, era andata dal ginecologo il medico si è accorto che qualcosa non andava. «L’ecografia rivelava che c’era un problema molto grave – ha raccontato la donna – La nostra bambina aveva un teratoma sacrococcigeo: non avevamo idea di che cosa stessero parlando e a cosa potesse portare tutto questo.

(continua dopo la foto)








Eravamo sconvolti e sotto choc». Con il passare del tempo il tumore diventava sempre più grande e rischiava di creare un blocco del circolo sanguigno. Bisogna agire nel minor tempo possibile. «Il cuore – ha detto Darrel Cass, co-direttore del Children’s hospital – rischiava di essere schiacciato dalle dimensioni del tumore. Poteva fermarsi in qualsiasi momento».

(continua dopo la foto)

 





Dopo 23 settimane e 5 giorni di gravidanza, il team di medici guidato da Cass ha eseguito un operazione ad alto rischio: quando ormai il tumore era grande quasi più della bambina, Lynlee è stata estratta dal grembo materno e l’equipe di dottori lo ha rimosso.

Dopo aver rimosso il tumore, i medici hanno riposizionato la bimba nell’utero della madre e hanno ricucito. «È stato una specie di miracolo – ha continuato Cass – siamo stati in grado di aprire l’utero, effettuare l’operazione e riposizionare la bimba dov’era per farla continuare a crescere». Dopo l’intervento Margaret è rimasta a letto per 12 settimane fino a quando, alla 36esima settimana, Lynlee è venuta al mondo per la seconda volta il 6 giugno scorso.

“Così ha ucciso la sua piccola” Neonata trovata morta, i primi riscontri: cosa le ha fatto la mamma prima di tentare il suicidio

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it