Aereo rilascia carburante per atterraggio di emergenza: tutti col fiato sospeso


Ha girato sopra il cielo per oltre 4 ore per esaurire il carburante prima di atterrare e lasciando tutti col fiato sospeso. Ma si è conclusa, qualche minuto dopo le 19 di lunedì 3 febbraio 2020, l’odissea del Boeing 767 di Air Canada che subito dopo il decollo da Madrid aveva subìto danni a una ruota e a un motore, come riporta il Corriere della Sera.

Il velivolo con 128 passeggeri a bordo, oltre ai membri dell’equipaggio, e diretto a Toronto, Canada, è atterrato nuovamente all’aeroporto Barajas al termine di una procedura di emergenza e ha toccato terra nonostante una ruota danneggiata e un motore fuori uso. (Continua dopo la foto)








Il Boing era decollato nel primo pomeriggio di lunedì dallo scalo madrileno. Stando al sito di tracciamento Flightradar24 precisamente alle 14.57 dallo scalo di Madrid-Barajas, in ritardo anche perché il traffico prima è stato chiuso per l’avvistamento di un drone. Una volta in quota, ha chiesto alla torre di controllo di poter rientrare ma prima ha girato per oltre 4 ore a 7.575 piedi (2.309 metri) e a circa 510 chilometri orari per alleggerirsi visto che il velivolo era preparato per un volo transoceanico. (Continua dopo la foto)






Secondo le specifiche tecniche, infatti, l’aereo dovrebbe pesare non più di 145 mila chilogrammi per poter toccare terra in sicurezza. E in un audio recuperato in esclusiva dal quotidiano spagnolo El Mundo si sente uno dei piloti comunicare ai 128 passeggeri che l’aereo deve tornare a Madrid per un “piccolo problema a una delle ruote. E dal momento che siamo pieni di carburante allora dobbiamo alleggerirci un pochino prima di atterrare”. (Continua dopo la foto)



 


Non saranno state ore facili per i passeggeri. Due caccia militari spagnoli hanno poi affiancato e fotografato il Boeing 767 di Air Canada per “ispezionare” meglio il velivolo e confermato il problema al motore e i danni a una delle ruote di atterraggio. L’aereo, si legge ancora sul Corriere, non aveva la possibilità di scaricare il kerosene più velocemente come altri modelli e così è stato costretto a girare per diverso tempo.

Massacrata dal compagno al nono mese di gravidanza, per i parenti l’ennesima beffa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it