“Zitta, sdraiati e dormi qui per terra”. Papà carogna lascia la sua piccola fuori casa, di notte e al freddo. E se ne va. Lei ha appena cinque anni e solo una copertina a ripararla dal gelo. Agghiacciante


 

Un papà carogna. Lascia la sua figlia di appena cinque anni a dormire fuori. Al buio e al freddo. La piccola non ha avuto modo di replicare al padre padrone. L’ordine è chiaro. L’ha portata fuori di casa e ha sentenziato: “Stai zitta, sdraiati e dormi qui per terra”. Di sicuro, non la buonanotte che un qualsiasi figlio vorrebbe sentire da un genitore, da un padre che invece dovrebbe proteggere i suoi piccoli. Ma questo è un uomo senza cuore. Ha lasciato la sua bambina di cinque anni, da sola, a dormire all’aperto, con temperature prossime al congelamento. Unica barriera tra la bambina e il freddo che mordeva, una coperta. Leggera. Sotto la quale si è rifugiata alla ricerca di un po’ di calore. Noncurante, l’uomo poi è andato via per non fare più ritorno.

(Continua a leggere dopo il la foto) 







Lasciando la piccola, non solo in balia della temperatura proibitiva, ma anche di eventuali malintenzionati che possono circolare in piena notte. La ragazzina è rimasta da sola all’esterno di un edificio dell’Ogden-Weber Applied Technology College di Salt Lake City, nello Utah. Siamo negli Stati Uniti. Un tempo interminabile. Soltanto due ore dopo, una guardia notturna ha trovato la bambina e il suo giaciglio. La piccola, spaventata e infreddolita, gli è corsa incontro piangendo e urlando “papà”. Poi è anche caduta sulle ginocchia.

 

(Continua a leggere dopo la foto) 




Letteralmente allibito, l’uomo che per primo l’ha soccorsa: “È stato straziante”. Le sole parole che è riuscito a pronunciare Fred Frazier, responsabile della sicurezza all’interno del campus. La madre della bimba, letteralmente traumatizzata dall’esperienza, ha raccontato a una televisione Usa, Fox 13 News, che la figlia aveva passato la serata con il padre, suo ex marito, e la sua famiglia, prima di venire abbandonata con l’ordine di restare lì fino a quando non fosse stato giorno. La donna adesso ha presentato una richiesta al tribunale per impedire al padre, che si crede abbia agito sotto psicofarmaci, di vedere ancora la figlia.

Ti potrebbe interessare anche:  ”Possiamo prendere un cucciolo?”. Genitori, se non avete ancora sentito queste parole, tenetevi pronti: è questione di tempo. Quindi due vie: cedere o impuntarsi. Ma ora, grazie a un papà, c’è una terza opzione (diventata virale): cosa si è inventato

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it