Si arrampica su un albero e rimane impigliata sul ramo col caschetto: morta a 4 anni


È morta strangolata la piccola Freya Thorpe, di soli 4 anni: il suo caschetto per la bicicletta si incastra in un ramo mentre si arrampica su un albero. Freya si trovava fuori casa sua a Upper Heyford, vicino a Bicester, quando è avvenuto il tragico incidente. La bambina giocava vicino casa, voleva arrampicarsi sull’albero, come molti coetanei fanno, ma è scivolata e la cinghia del casco con gli unicorni che indossava si è impigliata e l’ha uccisa. Il padre della bimba era appena uscito per andare a lavoro e la mamma era in casa con le due gemelline nate da poco.

Spesso la piccola faceva dei giri con la bicicletta nel vicinato, ma quel giorno ha deciso di parcheggiare la sua bici per salire su un albero. Freya è scivolata ed è avvenuta la tragedia. Quando i vicini l’hanno vista hanno chiamato i soccorsi che hanno cercato disperatamente di rianimare la piccola. Naturalmente Freya è stata portata al John Radcliffe Hospital di Oxford dove i medici hanno deciso di metterla in coma indotto, ma è morta dopo 2 giorni, come riporta anche il Daily Mail. strong>Continua a leggere dopo la foto








L’autopsia ha stabilito che ad ucciderla è stata una encefalopatia ipossico-ischemica causata dall’impiccagione accidentale. La mamma e il papà della bimba sono sconvolti e in rete è stata lanciata una raccolta fondi per supportarli. La cinghia del caschetto per la bici che indossava le si è stretta al collo. strong>Continua a leggere dopo la foto






Il padre Christopher Thorpe ha detto ai giudici che la sua famiglia è stata “completamente distrutta” dalla morte della bimba. Lui e sua moglie – le sue parole davanti alla corte – l’amavano “più della loro stessa vita”. “Vorrei ringraziare chiunque abbia cercato di aiutare la mia bambina”, ha aggiunto l’uomo. Continua a leggere dopo la foto



 


Una vera e propria tragedia che ci ricorda ancora una volta che, purtroppo, le disgrazie avvengono: che si può essere vigili come genitori, ma tante volte accadono ugualmente. La piccola probabilmente si sentiva sicura nel quartiere, protetta e i genitori anche. Una tragica fatalità che ora però ha distrutto la vita di due genitori e di una famiglia intera.

Ti potrebbe anche interessare: Sì è proprio lei! Oramai la vediamo quotidianamente in tv, l’avete riconosciuta?

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it