Stupra e uccide una bimba: pestato e bruciato vivo dalla folla


Una fine ingiusta, persino per chi ha commesso il più atroce dei delitti. Ma si sa, un paese civile si vede da come si comporta in casi come questo: se rispetta il diritto ad un processo equo e giusto o se invece si elegge giudice, boia e carnefice. Ma partiamo con ordine perché questa è una dia quelle storie che è dura come il marmo. Siamo nel piccolo villaggio di Cacahoatan nello stato di Chiapas, in Messico. Il presunto pedofilo, il cui nome è Alfredo Roblero, è stato picchiato prima di essere cosparso di carburante e dato alle fiamme. Le immagini del linciaggio sono state riprese da alcuni testimoni oculari e condivise centinaia di volte sul web.

L’uomo era stata accusato di aver violentato e ammazzato la bambina, Jarid, di cui ne era stata denunciata la scomparsa lo scorso giovedì 9 gennaio prima che il suo corpo venisse ritrovato cadavere sul ciglio di una strada circa 24 ore più tardi. Come si vede dai filmati circolati sul web, l’uomo è stato circondato da decine di persone, che gli hanno legato mani e piedi, gli hanno gettato benzina sul corpo e hanno poi assistito alla scena del rogo, mentre lui urlava dal dolore, avvolto dalle fiamme. Continua a leggere dopo la foto








Stando a quanto riferito dalla stampa, lo zio della giovane vittima avrebbe voluto consegnare di persona il pedofilo nelle mani della polizia, ma sarebbe stato interrotto dalla folla che ha detto che quell’uomo non avrebbe vissuto un minuto di più. Continua a leggere dopo la foto






Le autorità locali hanno diramato una nota con la quale hanno affermato che i cittadini non sono autorizzati in nessun modo a farsi giustizia da sé, annunciando anche l’apertura di un’indagine sulla morte di Roblero, che è ancora in corso. Ora, chi può affermare con assoluta certezza che non si è trattato di un malinteso: e se non fosse stato lui il responsabile. Continua a leggere dopo la foto



 


Mettendo da parte l’estremo gesto della popolazione, è mai possibile che giuria e boia abbiano dato alla fiamme una persona? L’insegnamento dato poi non è meno terribile. Insomma, un gesto terribile, condannabile, alla pari di quello di cui era accusato l’uomo.

Ti potrebbe anche interessare: Lo schianto, poi la corsa in ospedale: Enrico muore a 38 anni dopo 24 ore di agonia

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it