Parigi, bambino trovato morto nel carrello di atterraggio di un aereo Air France


Il cadavere di un bambino “di una decina d’anni” è stato ritrovato stamattina nel carrello di un aereo di Air France atterrato all’aeroporto parigino di Roissy Charles de Gaulle in provenienza da Abidjan, in Costa d’Avorio. Lo si apprende da fonti della polizia. L’aereo, un Boeing 777 di Air France, era decollato dalla capitale economica della Costa d’Avorio, Abidjan, martedì sera ed è atterrato nelle prime ore di oggi allo scalo della capitale francese “Charles de Gaulle”. Qui è stato scoperto tutto.

In corso le indagini, che comunque non metteranno fine all’orrore. Il corpo senza vita di un bambino è stato trovato all’interno del carrello di atterraggio di un aereo Air France proveniente dalla Costa D’Avorio. L’aereo interessato è un Boeing 777 della compagnia di bandiera francese impegnato in un volo di linea tra Abidjan, capitale economica del Paese africano, e Parigi con la sigla AF703. È stata la compagnia aerea stessa a comunicare la tragedia, attraverso il canale twitter ed è la stessa ad aver risposto alle domande degli utenti,. Nessuna informazione rilasciata sul bambino. (Continua dopo le foto).












“Air France conferma che il corpo senza vita di un passeggero clandestino è stato scoperto nel pozzo del carrello di atterraggio dell’aereo che eseguiva il volo AF703 che collega Abidjan (ABJ) a Parigi-Charles de Gaulle. Esprimiamo tutto il nostri cordoglio  per questo dramma umano”. Queste le parole espresse dalla compagnia. Si apre così l’indagine per accertare l’identità del minore nonché per ricostruire i fatti che hanno condotto alla tragedia. I primi accertamenti investigativi sono stati affidati alla Gendarmerie des Transports aérennes (GTA). Schiacciante l’osservazione mossa da una fonte della sicurezza della Costa d’Avorio. (Continua dopo le foto).



“Al di là del dramma umano, è la dimostrazione di una grossa breccia nella sicurezza all’aeroporto di Abidjan”. Negli ultimi anni, diversi clandestini, tra cui adolescenti africani, hanno provato a fuggire nello stesso modo dal Paese. Le temperature scendono a -50° tra i 9 e i 10mila metri, altitudine alla quale volano gli aerei di linea. Le custodie del carrello di atterraggio non sono né riscaldate né pressurizzate. Spesso la morte arriva per assideramento. “Una grave violazione della sicurezza nell’aeroporto di Abidjan”, ecco in cosa può riassumersi il caso. (Continua dopo la foto e il post).

E’ probabile che il bambino si fosse nascosto nel carrello per poter arrivare in Francia, dove la comunità ivoriana è numerosa, forse per raggiungere dei parenti, quindi una morte sopraggiunta per probabile assideramento. E non sarebbe la prima volta. Lo scorso luglio un migrante si era imbarcato nel vano carrello di un aereo in volo fra Nairobi e Londra per cercare di emigrare verso il Regno Unito, ma la sua avventura era finita in modo altrettanto atroce: l’uomo era precipitato dal velivolo durante la fase di atterraggio. La morte del bambino solleva problemi che violano a dignità umana. 

La nonna scambia l’insetticida per spray per la tosse: muore la nipote di 17 mesi

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it