Trova un uomo in stanza con i figli di 2 e 3 anni. La vendetta del padre è tremenda


Violenza e abusi in una storia che viene dalla Virginia. Protagonista un padre, accecato dalla rabbia dopo aver visto un uomo seminudo nella stanza dei figli di 2 e 3 anni. Pochi secondi e si è scatenata tutta la sua furia. La sua reazione è stata infatti violentissima: ha massacrato di botte l’intruso. La vicenda, a quanto si apprende, si è verificata domenica 29 Dicembre 2019 nella contea di Spotsylvania.
La Polizia ha arrestato Mark Stanley, 60 anni.

Secondo le prime informazioni trapelate, l’uomo sarebbe un parente del suo aggressore. In base ad una prima ricostruzione dei fatti, Stanley sarebbe originario della Carolina del Nord e si trovava in Virginia per trascorrere le vacanze di Natale. Prima di andare a letto, domenica 29 Dicembre, il padre dei bambini ha voluto controllare che i bambini fossero tranquilli nella loro stanza. Ma appena ha aperto la porta, si è trovato davanti Mark Stanley, mezzo nudo. Continua dopo la foto







Quest’ultimo ha reagito spingendo fuori il padre dei piccoli, mentre questi inveiva contro l’uomo chiedendo perchè si trovasse nella stanza. Il padre ha poi cominciato un’accesa discussione, conclusasi con l’aggressione di Stanley. Sul posto sono immediatamente intervenuti gli agenti di Polizia della Virginia, chiamati da un altro membro della famiglia. Le forze dell’ordine hanno subito neutralizzato il padre dei bambini il quale, nel frattempo, aveva preso una pistola puntandola contro la fronte di Stanley. Continua dopo la foto






I due bimbi sono stati trasferiti in ospedale per verificare le loro condizioni di salute. Il 60enne, invece, trasferito nel carcere regionale di Rappahannock, è accusato di comportamenti indecenti e aggressione domestica. La piaga dell’abuso sessuale dei minori, fenomeno storicamente diffuso in tutte le culture e le società, è diventata oggetto di studi sistematici in tempi relativamente recenti, anche perché è cambiata la sensibilità dell’opinione pubblica su un problema in passato considerato tabù. Continua dopo la foto



 


Ancora oggi comunque le statistiche disponibili raccolte in data base stilati da varie organizzazioni e organismi nazionali e internazionali (Oms, Unicef, Interpol, Europol ecc…) non rappresentano la vera entità del fenomeno, spesso sottostimato, principalmente perché molti casi di abuso sessuale su minori non vengono denunciati. Di rado, infatti, le vittime si confidano e cercano aiuto: 1 su 3 non ne parla con nessuno

Ti potrebbe interessare: Isabella Ferrari, solo un asciugamano addosso: 55 anni e la voglia di stupire

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it