Aereo precipita in decollo e si schianta contro edificio: morti e feriti


Sono almeno 14 le persone morte in un incidente aereo che in Kazakistan ha visto coinvolto un velivolo della compagnia locale Bek Air con a bordo 95 passeggeri e cinque membri dell’equipaggio. L’aereo avrebbe perso quota poco dopo il decollo da Almaty e, secondo Kazinform, il velivolo – un Fokker 100 – ha così colpito una barriera per poi schiantarsi contro un edificio.

I soccorritori, intervenuti immediatamente, stanno cercando di trarre in salvo alcune persone rimaste all’interno dell’aereo. I feriti sono almeno una trentina, 17 dei quali versano in gravi condizioni. L’aereo era diretto a Nursultan. L’incidente è avvenuto alle 7.22 ora locale. (Continua a leggere dopo la foto)








Il presidente del Kazakistan, Kassym-Jomart Tokayev, ha annunciato la creazione di una “commissione governativa” per fare luce sulle cause dell’incidente aereo. Su Twitter Tokayev ha fatto le condoglianze “agli amici e alle famiglie” delle vittime della “tragedia”, ha assicurato “assistenza a tutti i feriti” e ha promesso che “tutti i responsabili saranno puniti duramente in base alla legge”. Secondo i media locali, la commissione d’inchiesta sull’incidente aereo sarà guidata dal premier Askar Mamin. (Continua a leggere dopo la foto)






Nel frattempo sono stati sospesi in Kazakistan i voli della Bek Air. Lo riferisce il sito di notizie Kazinform, che cita una nota del ministero dell’Industria e delle Infrastrutture. Era diretto verso la capitale Nur-Sultan, l’ex Astana. Per ora le vittime confermate sono 14, mentre sono 60 i feriti. Sul velivolo viaggiavano 95 passeggeri e cinque membri d’equipaggio. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Un reporter dell’agenzia Reuters, vicino alla scena, ha affermato che c’era una forte nebbia nell’area ma la causa dell’incidente non è nota. L’aereo avrebbe perso quota, prima di colpire una barriera di cemento e schiantarsi contro un edificio a due piani.

Ragazze investite e Roma, chi c’era in auto con Pietro Genovese: la decisione dei giudici

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it