Addio a quella vacanza da sogno. È tra le mete preferite dagli italiani, soprattutto per le sue spiagge incantate. Ma ora cambia tutto: cosa sta succedendo e perché non ci si potrà più andare


 

L’Indonesia, ufficialmente conosciuta come Repubblica di Indonesia, è una delle nazioni più grandi e più popolose al mondo. Il più grande Stato-Arcipelago del mondo ha una popolazione complessiva di più di 255 milioni di abitanti e ha ottenuto solo nel 1945 la piena indipendenza dai Paesi Bassi. È una repubblica democratica presidenziale retta al momento dal presidentissimo Joko Widodo. Il paese è il più popoloso stato a maggioranza musulmana, con l’86,2% della popolazione di fede islamica.

Luogo di vacanza di milioni di turisti, meta ambita da milioni di coppie e non solo, l’Indonesia ospita ogni anno oltre 4 milioni di vacanzieri.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

Ma presto tutto potrebbe cambiare e per milioni di Italiani e europei, che avevano in progetto di recarsi nel paese, potrebbero rimanere delusi da ciò che li aspetta.

(Continua a leggere dopo la foto)


Il parlamento di Giacarta infatti sta per tagliare la distribuzione degli alcolici a tutte le 17 isole dell’arcipelago. La clamorosa proposta di vietare l’alcool è giunta in parlamento e tra poco probabilmente potrebbe diventare legge. Nonostante i 23 miliardi di incassi annui giunti dal turismo, le forze politiche islamiche più estreme del paese, avrebbero intenzione di introdurre questa legge che penalizzerebbe e non poco il turismo dell’Indonesia.

(Continua a leggere dopo la foto)


Secondo quanto riportato da “Il corriere della sera”, i radicali islamici sarebbero in grado di influenzare le decisioni dell’intero parlamento indonesiano. Il divieto sarebbe giustificato, dai parlamentari estremisti, dall’alto numero di morti per abuso di alcolici sia tra la popolazione che tra i turisti. L’unico ad opporsi alla proposta sarebbe il parlamentare Rudolf Dethu, che ha denunciato come l’83% dei decessi per abuso di alcolici, sia avvenuto finora nelle regioni in cui è già in vigore la Sharia. L’unico vero obiettivo degli islamici sarebbe, sempre quanto detto da Rudolf Dethu, di trasformare l’Indonesia in un vero e proprio stato islamico.

 

Aereo scomparso in Indonesia, spunta lo spettro del terrorismo