“Hai lo smalto sulle unghie, quelli come te qui dentro non li vogliamo”. Va dal barbiere per un semplice taglio di capelli, ma quando il proprietario del negozio vede questo ragazzo va su tutte le furie e lo caccia via sotto gli occhi dei presenti


 

“Hai lo smalto alle unghie, quindi sei una donna. Vai fuori di qui”. Una frase sconcertante, riportata direttamente dalla vittima di questa aggressione verbale, un adolescente di 16 anni che, come riporta l’Huffington Post, si è sentito pronunciare questa frase come giustificazione al rifiuto di un barbiere di tagliargli i capelli. Protagonista della vicenda, che ha fatto il giro del web, Sam Vella, un transgender di Clayton in provincia di Manchester.

Tutto sarebbe successo sabato scorso in un noto salone per soli uomini, il Village Barbers, e l’accaduto ha fatto puntualmente il giro del web.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

 

Sam e la madre avevano varcato la soglia del locale in cerca di un semplicissimo taglio dei capelli. Il proprietario del locale, però, si è subito mostrato ostile verso i due, e ha ribattuto alla coppia che in quell’attività non si effettuavano servizi per donne. Il ragazzo, umiliato dal rifiuto del gestore, è rimasto incredulo.

(Continua a leggere dopo la foto)


Il barbiere ha infatti detto, senza troppi giri di parole, che le unghie “pitturate” del giovane dimostravano chiaramente la sua appartenenza al genere femminile. La stoccata finale è arrivata poco dopo: “Non sappiamo cosa sei” sono state le ultime parole del proprietario dell’esercizio.

(Continua a leggere dopo la foto)


 

Le rassicurazioni di Joanna riguardo all’identità sessuale del figlio non sono bastate al Village Barbers, che ha fatto accomodare fuori dal locale i due. Sam ha provato a rientrare spiegando di volere semplicemente un taglio ai capelli, ma le sue parole non sono state sufficienti. Un caso di discriminazione che ha colpito molto l’opinione pubblica e scatenato centinaia di proteste.

“Di notte Barbareschi veniva a casa mia e mi chiedeva soldi per i trans. Sembrava Lapo Elkann”