“Presto, aiutate il Santo Padre”:Francesco si avvicina all’altare, ma qualcosa va storto. Un rumore sordo e le urla della folla. Attimi di assoluta paura e il panico generale si scatena. Cosa è successo davvero…


 

Il viaggio papale in Polonia era stato annunciato e presentato lo scorso maggio. Il Papa aveva deciso di soggiornare nello stato polacco tra il 27 e il 31 luglio e aveva scelto proprio questo periodo per presiedere alla trentunesima edizione della Giornata Mondiale della Gioventù. Il programma è stato seguito alla lettera: il Papa è arrivato nella capitale polacca il 27 luglio e dopo essere sceso dall’aereo, Francesco ha incontrato il presidente della repubblica e l’arcivescovo di Cracovia.

Proprio dalla finestra dell’arcivescovado dalla quale si affacciava Giovanni Paolo II durante le sue visite, il Papa ha salutato le migliaia di giovani giunti a salutarlo.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

Durante la prima giornata, i controlli da parte delle forze dell’ordine polacche hanno funzionato alla perfezione e la visita papale è avvenuta senza intoppi. L’allerta terrorismo è ai massimi livelli, e l’intelligence polacca sta lavorando a pieno regime, per assicurare l’incolumità del Papa e dei migliaia di giovani giunti per la Giornata Mondiale della Gioventù.

(Continua a leggere dopo la foto)


Il Papa durante il suo primo giorno ha fatto importanti dichiarazioni sull’attuale situazione europea e sull’emergenza immigrazione. “Non c’è guerra di religione, c’è guerra di interessi, per i soldi, per le risorse naturali, per il dominio dei popoli” ha spiegato Francesco e con la sua consueta naturalezza ha anche aggiunto: “Noi tutte le religioni vogliamo la pace, la guerra la vogliono gli altri, capito?”. Il secondo giorno invece il programma prevedeva la visita da parte del Santo Padre a Czestochowa per una preghiera davanti all’icona della Madonna Nera e la successiva Santa Messa in occasione del 1.050esimo anniversario del Battesimo della Polonia.

(Continua a leggere dopo la foto)


E così proprio durante la visita a Czestochowa il mondo ha tremato: Francesco si avvicina, vestito con un abito talare molto semplice, all’altare per venerare il ritratto della madonna nera. In mano ha un incensiere e viene scortato dagli uomini del suo seguito. Uno di loro gli tiene il braccio e lo accompagna; a pochi metri dalla sua destinazione, un passo falso, poi la caduta. Attimi di preoccupazione tra i presenti, che si sono precipitati ad aiutare il santo padre. Francesco, non si è scomposto, e anzi energicamente si è rimesso in piedi e ha continuato le celebrazioni, come se nulla fosse successo. I fedeli, dopo attimi confusi di paura, sono rimasti in flebile attesa per poi esultare alla vista del Papa sorridente e pronto a continuare la messa. La visita di Francesco continua: scampato pericolo.

“Cambiamo tutto, vi spiego il mio sogno”. Papa Francesco coraggioso “leader” d’Europa: le sue toccanti (e forti) parole davanti ai potenti