Orrore in strada: 39 cadaveri trovati in un tir. La polizia: “C’è anche un adolescente”


I corpi di 39 persone, 38 adulti e un adolescente, sono stati trovati nel container di un Tir nell’Essex, in Inghilterra. Secondo quanto riportano i media locali, la polizia, chiamata dai servizi di emergenza sanitaria nella notte al Waterglade Industrial Park a Grays, ha arrestato l’autista, un giovane di 25 anni dell’Irlanda del Nord, che è stato arrestato sospettato di omicidio.

La polizia ha reso noto che il Tir era arrivato sabato dalla Bulgaria ed era entrato nel Regno Unito attraverso Holyhead. E ha aggiunto che sono iniziate le procedure per identificare le vittime, avvisando che si tratterà di “un lungo processo”. (Continua a leggere dopo la foto)








“Sono sconvolto da questo tragico incidente nell’Essex”. È quanto ha dichiarato, in un tweet, Boris Johnson, dal 24 luglio 2019 primo ministro del Regno Unito. “Sto ricevendo costanti aggiornamenti dal ministero dell’Interno che sta lavorando con la polizia locale per stabilire esattamente cosa sia avvenuto”,ha concluso il premier che rivolge i suoi “pensieri a chi ha perso la vita ed ai loro cari”. (Continua a leggere dopo la foto)





Sul caso è intervenuto anche il responsabile delle forze dell’ordine Andrew Mariner: “Questo è un tragico episodio in cui un gran numero di persone ha perso la vita. Sono in corso delle indagini per capire cosa sia successo – ha continuato -. Stiamo identificando le vittime. Tuttavia, prevedo che questo processo potrebbe richiedere molto tempo”. Non è la prima volta che nel Regno Unito avvengono tragedie di questo tipo. Nel giugno del 2000 a Dover furono trovati i corpi di 58 migranti cinesi. Anche in quel caso erano nella parte posteriore di un camion. L’autista, di nazionalità olandese, fu arrestato l’anno successivo con l’accusa di omicidio. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Il ritrovamento è avvenuto solo nelle ultime ore, durante un controllo eseguito dalla Essex Police in un’area industriale di Grays, a est di Londra. Al momento non sono emersi elementi sull’origine delle persone morte, ma solo sul luogo di partenza del tir, che gli investigatori ritengono sia in Bulgaria.

Sport in lutto, il suo ultimo sogno si è esaudito. Addio a Marieke Vervoort, la campionessa che faceva sognare

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it