Apocalisse in autostrada. Si ribalta cisterna, poi le fiamme: 45 morti


Tragico incidente in Nigeria dove dopo l’esplosione di un’autocisterna sono morte 45 persone. L’incidente è avvenuto sull’autostrada che porta al capoluogo Makurdi: il mezzo, ribaltatosi, ha iniziato a perdere carburante, cosa che ha attirato le persone nelle vicinanze accorse per raccogliere il liquido. Poco dopo l’esplosione che ha coinvolto anche due pompieri arrivati per prestare soccorso. Siamo in Nigeria settentrionale, nella strada fra Ahumbe e Makurdi, nel Benue.

L’esplosione di un’autocisterna avrebbe causato 45 morti, secondo l’ultimo bilancio che ha riportato la Bbc: l’incidente sarebbe stato causato da scintille innescate a seguito del passaggio di un bus avvenuto dopo il ribaltamento del mezzo, un tentativo dell’autista di evitare una buca. Continua a leggere dopo la foto










Tra le vittime molte le persone accorse attorno alla cisterna nel tentativo di raccogliere la benzina che stava fuoriuscendo, le quali avrebbero ignorato i richiami del personale di sicurezza di allontanarsi dalla zona. All’esplosione del carburante sono state infatti inevitabilmente investite da un incendio. Continua a leggere dopo la foto


Feriti gravemente anche due pompieri che sono rimasti coinvolti nello scoppio mentre cercavano di prestare soccorso sul luogo dell’accaduto: i due sono stati immediatamente trasportati in un vicino ospedale. Gli incidenti che coinvolgo le autocisterne sono purtroppo comuni in Nigeria, causati dalle strade maltenute e dai tentativi disperati della gente che cerca di raccogliere carburante o petrolio da veicoli danneggiati o incidentati. Continua a leggere dopo la foto

 


Il Paese, nonostante sia ricco di idrocarburi, è uno tra i più poveri al mondo. Come ricordato dalla Bbc attraverso un servizio, nello scorso ottobre un incidente simile costò la vita a ben 60 persone, morte tra le fiamme prodotte dallo scoppio di un oleodotto nel sud-est del Paese africano. Il dettaglio devastante è che molte delle vittime sono morte in maniera tragica, nella maggior parte dei casi arsi vivi. Una fine decisamente orrenda.

Ti potrebbe anche interessare: “Gli ufo esistono, ecco le prove”. La Marina degli Stati Uniti divulga questo video e il mondo rimane senza fiato

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it