6 giugno 2016, per molti la data di oggi ha un significato oscuro. “Ecco cosa succederà questa notte e perché (a volte) è meglio stare lontano da certi posti…”, dicono


Ci avevate pensato? Oggi è il 6 giugno 2016: 6-6-(1)6. Ben tre “6” in un’unica data. Per chi non lo sapesse il “triplo 6” è il “numero della bestia”, un concetto che nel cristianesimo si riferisce a satana. Appare in un solo passo del Nuovo Testamento, nella Apocalisse di Giovanni, riferito a una bestia che sale dal mare e devasta la terra: “Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia e il suo numero è seicentosessantasei”.

(continua dopo la foto)







 

La cosa che invece molti non sanno è che una miriade di adepti di questa “divinità” si stanno organizzando in tutto il mondo per creare imponenti raduni (e riti) nelle città di appartenenza. L’attenzione è concentrata soprattutto a Los Angeles, dove sono stati organizzati riti ed eventi in cinque diversi punti della città. A riportarlo è LA Weekly che conferma inoltre l’intenzionalità di alcuni satanisti nel radunarsi per sostenere la candidatura di uno di loro, Steve Hill, che aspira a salire in Senato (proprio così, ndr). Il programma elettorale, a sorpresa, non è poi così “oscuro” come ci si può aspettare: Hill è a favore di tutti i diritti civili, della libertà di espressione, della difesa della Costituzione e della separazione netta dei poteri della Chiesa e dello Stato.

(continua dopo la foto)




Purtroppo, però, non tutti i satanisti sono come Steve Hill, e in tutto il mondo, Italia compresa, c’è molta preoccupazione per i possibili riti satanici che potrebbero essere compiuti al calare del buio. Non è di molto tempo fa la denuncia di una giovane coppia, appartata in auto nei boschi, scappata a tutta velocità dopo aver visto un gruppo di persone con delle torce infuocate in mano che si avvicinavano alla macchina intonando in coro un sinistro motivetto che recitava “Amiamo Satana”. Uno scherzo? Nessuno lo sa, ma di certo una scena che fa venire davvero i brividi e che non auguriamo a nessuno. Paura eh?

Ti potrebbe anche interessare: “È Satana”, stava incartando una bistecca poi lo choc: su quella carne compare il diavolo. No, non è uno scherzo: è successo davvero. Ecco l’immagine che sta terrorizzando il web

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it