Terrorismo, un uomo armato di coltello aggredisce passeggeri alla stazione di Monaco. I testimoni: ‘’Gridava Allah è grande’’. Tutti i dettagli


 

Paura alla stazione di Grafing, nel quartiere di Ebersberg, a Monaco. Un uomo armato di coltello ha aggredito i passeggeri, uccidendone uno e ferendone altri tre. Secondo alcuni testimoni, l’aggressore avrebbe urlato ‘Allah Akbar’. Lo riferisce la Bayerische Rundfunk”.

(Continua a leggere dopo la foto)








La polizia lo ha arrestato: è un giovane tedesco di 27 anni, ma non ancora identificato, che dopo l’attacco aveva tentato di fuggire. Il primo bilancio è di un morto (una donna) e tre persone ferite – di età compresa tra i 43 e i 58 anni – che avrebbero invece lesioni superficiali.. Secondo le prime testimonianze, l’uomo urlava Allah akbar, “Dio è grande” in arabo. ll portavoce della procura di Monaco di Baviera dichiara che l’aggressore ha agito “apparentemente per motivazioni islamiste”. L’attacco è avvenuto verso le 5 del mattino. La stazione di treni locali, nel comune di Ebersberg, è stata chiusa e il traffico interrotto. 

(Continua a leggere dopo la foto)




 La ricostruzione effettuata parla di un primo accoltellamento intorno alle 4.50 nella stazione di Grafing: scappando, l’aggressore ha poi colpito un’altra persona. E quindi, appena uscito dalla stazione, ha attaccato due passanti in bicicletta.

Arresti a febbraio. La polizia tedesca aveva condotto una vasta operazione in diverse località del Paese con centinaia di agenti impegnati nella ricerca di quattro persone sospettate di legami con lo Stato Islamico e di avere in preparazione degli attentati a Berlino. Tre persone di origini algerine erano state arrestate. Un algerino che viveva in un centro di accoglienza vicino a Colonia era stato arrestato su mandato d’arresto spiccato del suo Paese d’origine perché sospettato di affiliazione allo Stato Islamico. Gli altri due algerini erano stati arrestati a Berlino, dove, aveva spiegato un portavoce della procura, risiedevano da tempo e avevano un lavoro. Altri due sospetti, anche loro algerini, erano invece stati rimessi in libertà.

(Continua a leggere dopo la foto)


Negli ultimi 15 anni sono stati sventati 11 attentati terroristici in Germania. A raccontarlo è il capo della polizia tedesca, Holger Muench. “Abbiamo constatato che l’islamismo è presente anche qui”.

 

“Attenti a quel pancione, è una bomba!”. Finta donna incinta semina il panico: scatta l’allarme terrorismo, poi la terribile scoperta della polizia

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it