“Cambiamo tutto, vi spiego il mio sogno”. Papa Francesco coraggioso “leader” d’Europa: le sue toccanti (e forti) parole davanti ai potenti


 

Papa Francesco invoca un nuovo umanesimo per l’Europa basato su tre capacità: “integrare, dialogare, generare”. L’appello arriva durante il conferimento al Papa del Premio Internazionale Carlo Magno 2016 alla presenza di numerose autorità. Nella Sala Regia del Vaticano ci sono anche il premier Matteo Renzi e la cancelliera tedesca Angela Merkel. “Che cosa ti è successo, Europa umanistica, paladina dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà? Che cosa ti è successo, Europa terra di poeti, filosofi, artisti, musicisti, letterati? Che cosa ti è successo, Europa madre di popoli e nazioni, madre di grandi uomini e donne che hanno saputo difendere e dare la vita per la dignità dei loro fratelli?”, chiede il Papa.

(continua dopo la foto)








 

Bergoglio esorta a costruire ponti e ad abbattere muri seguendo l’esempio dei Padri fondatori: “I progetti dei Padri fondatori, araldi della pace e profeti dell’avvenire, non sono superati: ispirano, oggi più che mai, a costruire ponti e abbattere muri. Sembrano esprimere un accorato invito a non accontentarsi di ritocchi cosmetici o di compromessi tortuosi per correggere qualche trattato, ma a porre coraggiosamente basi nuove, fortemente radicate; come affermava Alcide De Gasperi, ‘tutti egualmente animati dalla preoccupazione del bene comune delle nostre patrie europee, della nostra Patria Europa’, ricominciare, senza paura un ‘lavoro costruttivo che esige tutti i nostri sforzi di paziente e lunga cooperazione’. Questa trasfusione della memoria ci permette di ispirarci al passato per affrontare con coraggio il complesso quadro multipolare dei nostri giorni”.

(continua dopo la foto)




Il Papa invita ad accettare “con determinazione la sfida di ‘aggiornare’ l’idea di Europa. Un’Europa capace di dare alla luce un nuovo umanesimo basato su tre capacità: la capacità di integrare, la capacità di dialogare e la capacità di generare”. “Sogno un’Europa, in cui essere migrante non sia delitto bensì un invito ad un maggior impegno con la dignità di tutto l’essere umano” dice il Papa che invoca una società in cui si possa respirare “l’aria pulita dell’onestà”. “Sogno un’Europa giovane, capace di essere ancora madre: una madre che abbia vita, perché rispetta la vita e offre speranze di vita. Sogno un’Europa – è l’esortazione del Papa – che si prende cura del bambino, che soccorre come un fratello il povero e chi arriva in cerca di accoglienza perché non ha più nulla e chiede riparo. Sogno un’Europa che ascolta e valorizza le persone malate e anziane, perché non siano ridotte a improduttivi oggetti di scarto. Sogno un’Europa, in cui essere migrante non sia delitto bensì un invito ad un maggior impegno con la dignità di tutto l’essere umano. Sogno un’Europa dove i giovani respirano l’aria pulita dell’onestà, amano la bellezza della cultura e di una vita semplice, non inquinata dagli infiniti bisogni del consumismo; dove sposarsi e avere figli sono una responsabilità e una gioia grande, non un problema dato dalla mancanza di un lavoro sufficientemente stabile”.

(continua dopo la foto)


 

Il Papa rivolge il suo pensiero alla famiglia: “Sogno un’Europa delle famiglie, con politiche veramente effettive, incentrate sui volti più che sui numeri, sulle nascite dei figli più che sull’aumento dei beni. Sogno un’Europa che promuove e tutela i diritti di ciascuno, senza dimenticare i doveri verso tutti. Sogno un’Europa di cui non si possa dire che il suo impegno per i diritti umani è stata la sua ultima utopia”.

Caffeina by Adnkronos

(www.adnkronos.it)

 

Giubileo dei giovani, Papa Francesco stupisce ancora una volta. Arriva in piazza San Pietro e sorprende tutti così…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it