Colpo di scena nel caso Marò: anche Salvatore Girone sarà a breve in Italia. Cosa sta succedendo


 

Salvatore Girone sarà in Italia durante l’arbitrato. Questa la decisione del Tribunale dell’Aja che avrebbe accolto la richiesta italiana, invitando le parti a concordare le modalità del rientro del fuciliere in patria dall’India.

(Continua a leggere dopo la foto)







L’ordinanza, secondo quanto riporta la testata La Repubblica, sarà resa pubblica domani. I due fucilieri Salvatore Girone e Massimiliano Latorre erano stati arrestati il 19 febbraio 2012 con l’accusa di aver ucciso due pescatori scambiati per pirati al largo della coste del Kerala.






 

Latorre oggi si trova in Italia per motivi di salute, mentre Girone è ancora trattenuto in India. Proprio sulla situazione di quest’ultimo si erano condensati gli sforzi del governo italiano. Francesco Azzarello, agente del governo italiano, in occasione dell’udienza al Tribunale arbitrale dell’Aja aveva chiesto “l’autorizzazione a tornare a casa fino alla decisione finale”.



“Considerato che il procedimento arbitrale sul caso marò potrebbe durare almeno tre o quattro anni – aveva detto Azzarello – Girone rischia di rimanere detenuto a Delhi, senza alcun capo d’accusa per un totale di sette-otto anni, determinando una grave violazione dei suoi diritti umani”.

 

”L’India non ci dà indietro i nostri 3 marò”: la gaffe del ‘big’ Giovanni Toti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it