“Non andate in vacanza lì”. Terrore in una delle più gettonate mete turistiche degli italiani. I morti sono già 45. Che cosa sta succedendo


 

Da paradiso a inferno in terra. Dal marzo scorso, almeno 45 persone sono morte a Zanzibar, una delle mete preferite dei turisti italiani, soprattutto scelta da chi considera il mare da sogno elemento imprescindibile di una vacanza. Del resto, nonostante la distanza dall’Italia, è una di quelle destinazioni non dispendiose, molto servita con voli charter e pacchetti all inclusive che rendono la vacanza ancora più rilassante. Ma è proprio da quell’angolo di paradiso che arrivano notizie preoccupanti che saranno prese in considerazione da chi è ancora alle prese con una delle scelte più attese dell’anno.

(continua dopo la foto)



“Oggi sono circa 3mila le persone ricoverate in ospedale con i sintomi del colera”, ha detto Muhammad Dahoma, il direttore della prevenzione delle malattie e di controllo del ministero della Salute.

Il governo dell’isola africana, che vede nel turismo gli introiti maggiori, ha preso provvedimenti per arginare l’epidemia, tra cui il divieto di vendita di cibo e succhi di frutta in aree aperte, comprese le spiagge. Il governo ha anche installato diversi campi nelle isole di Unguja e Pemba per isolare i pazienti affetti da colera. Una vera e propria emergenza come non si vedeva da tempo nell’isola di smeraldo.

(continua dopo la foto)


E la situazione non accenna a migliore. A rendere più difficoltosa la risoluzione del problema infatti , fa sapere l’agenzia Associated Press, ci sono le forti piogge che stanno candendo in questi giorni, intasando i sistemi fognari e aggravando la diffusione dell’epidemia.“L’epidemia di colera – spiega infatti ancora Ap – è una minaccia per l’industria del turismo, soprattutto in questi mesi quando la stagione turistica entra nel vivo”.

(continua dopo la foto)


Non è ancora chiaro che cosa abbia scatenato l’epidemia, che colpisce ogni anni dai 3 ai 5 milioni di persone, certo è che potrebbe assumere i contorni di un vero e proprio dramma. Le autorità italiane hanno sconsigliato di viaggiare verso il paese africano.

 

Il dramma di Pierce Brosnan: “Ero alla Maldive quando arrivò quella telefonata. Completamente scioccato… “. Dopo anni, l’attore di 007, svela quel particolare retroscena…