Immigrazione, la tesi demografica: fra 30 anni fino a 200 milioni di afro-europei


Se per molti, immotivatamente, l’immigrazione è una emergenza in questi anni, forse non si sono mai imbattuti in alcune previsioni ‘estreme’ per i prossimi tempi. Una di queste arriva da Stephen Smith, un antropologo, tra i più informati sulle dinamiche demografiche relative al continente africano. La sua analisi è netta: in Europa arriveranno dai 150 ai 200 milioni di africani.

Stephen Smith è stato più volte valido corrispondente dall’Africa occientale per le principali agenzie di stampa, come France Press e Reuters, è stato responsabile per le questioni africane di quotidiani come Libération e Le Monde, è stato analista delle Nazioni unite per l’Africa e attualmente è anche docente di Studi africani alla Duke University. (continua dopo la foto)



La sua tesi, parecchio forte, emerge da una intervista che l’esperto ha rilasciato al quotidiano spagnolo El Mundo. Ne parla nel suo libro tradotto anche in italiano da Einaudi, Fuga in Europa. È la demografia alla base della sua analisi: l’Africa esplode di giovani, il 40 per cento dei suoi abitanti oggi ha meno di 15 anni. Cresce la popolazione, non cresce a sufficienza l’economia e la stabilità politica: l’esodo verso il Vecchio continente appare l’unica via percorribile per decine di milioni di persone. (continua dopo la foto)


Esodo, ovviamente in più tappe, che entro trent’anni porterà a contare in Europa un numero molto alto di immigrati dal Continente nero. Eventi per i quali, secondo le stime di Smith, si arriverà a contare tra i 150 e i 200 milioni di afro-europei contro gli attuali nove milioni, frutto dell’immigrazione degli utlimi due decenni. (continua dopo la foto)


immigrazioe africa europa

 

Ed è facile immaginare che potrebbe andare così, ragionando sui numeri attuali. L’Unione europea conta oggi 510 milioni di abitanti che invecchiano; l’Africa un miliardo e 250 milioni, il 40 per cento dei quali ha meno di quindici anni. Nel 2050, ci saranno 450 milioni di europei contro 2 miliardi e mezzo di africani.

Il chirurgo che trascorre le ferie operando i bimbi in Africa