Dentista degli orrori, non immaginerete mai che cosa ha fatto ai suoi pazienti. Una storia agghiacciante ai limiti della realtà. Poi la scoperta tremenda che ha lasciato tutti senza parole…


 

Jacobus Marinus, detto “Mark”, Van Nierop è il protagonista di una storia agghiacciante che ha cambiato per sempre la vita di 120 persone. Nessuno di loro si aspettava, entrando nello studio del dentista, di subire tali atrocità. Il dentista di origine olandese è stato condannato martedì a 8 anni di prigione e all’interdizione definitiva dell’esercizio della professione e al pagamento di una multa di 10.500 euro dal tribunale di Nevres. Con questa condanna le vittime potranno ottenere un giusto risarcimento per quanto subito. 

 

(Continua a leggere dopo la foto)








Il 51enne ex dentista, soprannominato “il dentista degli orrori”, era stato arrestato già nel 2103, poi era fuggito in Canada, per essere nuovamente arrestato in base a un mandato di cattura internazionale. Come riportato dalla testata giornalistica BBC, i giudici hanno ascoltato la testimonianza delle vittime che hanno raccontato che una volta sdraiati sul lettino, il dentista aveva praticato loro la consueta anestesia. Poi l’orrore: frattura delle mandibole, ascessi, setticemie estrazioni non necessarie e procedure “inutili e dolorose”. Van Nierop, infatti, aveva trasformato il suo studio ubicato nella cittadina di Chateu-Chinon in una camera delle torture, provocando orribili lesioni ai malcapitati che gli capitavano a tiro. 




Nel corso deil processo, Van Nierop ha ammesso le sue responsabilità, dichiarando di “non avere interesse per le persone” e pronunciando degli inspiegabili “no comment” alle domande che gli venivano poste da avvocati e giudici. Inoltre, “il dentista degli orrori” ha anche ammesso di truffare le assicurazioni dei pazienti, praticando interventi inutili e, cosa ancora più tremenda, di provare “piacere nel provocare dolore”.


All’annuncio della condanna, Van Nierop non avuto nessuna reazione, esattamente come durante il processo. Ora ha dieci giorni di tempo per ricorrere in appello, ma adesso le parti civili sono finalmente riconosciute come vittime e la condanna apre loro la strada per ottenere un risarcimento economico. Finalmente il dentista degli orrori, non potrà più fare del male a nessuno.

 

Choc in ospedale, un’altra “infermiera killer”. Omicidio volontario continuato, un numero impressionante di vittime

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it