Conchita canta all’Europarlamento: “Perché la politica teme i matrimoni gay?”


Il futuro perfetto? Secondo Conchita Wurst, la trans austriaca che ha vinto l’ultimo Eurofestival, “è quello in cui non si parlerà di cose non necessarie come la sessualità e il colore della pelle”. L’artista, famosa anche per la sua barba, ieri si è esibita in un concerto contro la discriminazione nel piazzale di fronte all’Europarlamento, dopo un invito degli europarlamentari. In conferenza stampa ha commentato anche lo stop imposto da Alfano alla trascrizione in Italia di matrimoni gay contratti all’estero.  “Non capisco dove sia il problema con i matrimoni delle persone dello stesso sesso. Non so perché alcuni politici siano così spaventati da questo, non mi interessa. So che non è facile e nessuno ha mai detto lo sarebbe stato, ma è il loro compito lavorare per creare democrazia e pari diritti”.








Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it