Svelato l’ultimo mistero. Lady Diana, cade il muro di silenzio sulla principessa triste


Ventuno anni. Ventuno anni volati via come un soffio di vento. Nessuno dimentica. Nessuno, del resto, potrebbe. Perché Lady Diana è stata molto più di una principessa, è stata un’icona in tutti i modi possibili immaginabili. Impegnata nel sociale, in favore degli ultimi, ha saputo dare un volto umano alla monarchia britannica e spazzare via la polvere che secoli di tradizione e imposizione avevano depositato sulla corona. Quella notte del 31 agosto 1997, sotto il Pont de l’Alma di Parigi non moriva solo una donna, il simbolo restava. Molti i misteri legati alle ultime ore della principessa del Galles e di Dodi Al – Fayed. E un dubbio: Diana Spencer, al momento del decesso era incinta? Adesso arriva la verità. La racconta il dottor Richard Shepherd il patologo che ha avuto il triste onere di effettuare l’autopsia del corpo di Diana Spencer.Dopo anni in cui si è rifiutato di rispondere alle continue curiosità morbose della stampa, il medico ha deciso di fare chiarezza su un importante questione: Lady Diana era incinta di Dodi Al-Fayed o no? (Continua dopo la foto)








Secondo Shepherd Dal punto di vista patologico non c’erano prove che la Principessa Diana fosse incinta.Chiarito questo mistero Richard Shepherd, che nel ’97 era lavorava presso il Ministero dell’Interno inglese, ha anche sottolineato cheDiana e Dodi sarebbero ancora vivi se avessero indossato le cinture di sicurezza:Vorrei poter dire che Diana sarebbe morta qualunque cosa fosse accaduta, ma la verità è che se avesse indossato la cintura di sicurezza sarebbe stata qui per i matrimoni del principe William e di Harry. (Continua dopo la foto)




Se fosse stata protetta dalla cintura sarebbe uscita con un occhio nero, al massimo con un braccio rotto.Non a caso, infatti, Trevor Rees-Jones, la guardia del corpo di Dodi che era seduto sul sedile anteriore e il solo ad avere la cintura di sicurezza allacciata, è rimasto gravemente ferito dall’impatto ma è sopravvissuto.La macchina di Diana, guidata dall’autista Henri Paul (morto sul colpo insieme ad Al-Fayed) che dalle analisi è risultato avere nel sangue un tasso alcolemico 3 volte superiore al limite previsto dalla legge. (Continua dopo la foto)


 


Viaggiava a una velocità di 80 Km/h. Una pagina triste della storia recente, un vuoto impossibile da colmare. Un’erede che ancor non esiste nel mondo e nei cuori dei sudditi di sua maestà.

Ti potrebbe anche interessare: “Fai schifo! Ti meriti…”. Sara Affi Fella, dopo la truffa succede questo: chi la massacra

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it