“Vi sistemo io”. Provano a borseggiare una vecchietta. Lei, 93 anni, ecco cosa fa


 

Due borseggiatori alla ricerca di qualche facile colpo da mettere a segno per poi darsi alla fuga. E una signora anziana, 93 anni, in attesa alla fermata dell’autobus tutta sola, sotto gli occhi della coppia di malintenzionati. La preda perfetta, il più classico “gioco da ragazzi”. E invece quello che doveva essere un bottino facile facile si è trasformato in un incubo quando la signora, in barba all’anagrafe, ha mostrato di avere coraggio da vendere, reagendo quando si è accorta che qualcuno stava tentando di strapparle la borsa per poi darsi alla fuga. “Hanno provato a fregare la persona sbagliata” racconta oggi felice Evan Jones, già ribattezzata “nonna eroina” sui social per la grande determinazione dimostrata. La donna era uscita di casa per andare a comprare un biglietto di auguri per una conoscente che aveva da poco compiuto gli anni, quando è finita nel mirino di due persone che hanno cercato di strapparle via la borsa dopo essersi avvicinati di soppiatto alle sue spalle. (Continua a leggere dopo la foto)







Nella foga, Eva è finita a terra, ha battuto la testa sull’asfalto e ha visto le sue scarpe volare via, in mezzo alla strada. Ma, nonostante la paura, non ha mai mollato la presa, non rassegnandosi all’idea di darla vinta a quei criminali che l’avevano subito bollata come facile preda. Così è rimasta attaccata alla borsa nonostante gli strattoni, fino a quando altri passanti, notando la scena, non sono corsi nella sua direzione. (Continua a leggere dopo la foto)






Vedendo la mal parata, i due borseggiatori hanno deciso saggiamente di lasciar perdere e darsela a gambe, prima di essere linciati dalla folla. Eva, che ha tre figli, otto nipoti e la bellezza di undici bisnipoti, si è così rialzata e, nonostante il dolore per qualche ferita superficiale dovuta al contatto con il cemento, ha mostrato a tutti il suo sorriso soddisfatto. A raccontare l’accaduto è il Sun, che ha intervistato la donna. (Continua a leggere dopo la foto)



 

“Non mi sono lasciata intimidire – ha raccontato Eva – ho pensato: succeda quel che succeda, non avranno mai la mia borsa. Certo, quando mi sono ritrovata a terra con quelle due persone sopra ho avuto paura. Ma non mi sono comunque arresa”.  La polizia ha poi fatto sapere di essere riuscita a rintracciare i due malviventi e di averli arrestati per l’aggressione.

La tua vagina si è ingrigita e ti senti vecchia? Applica ‘questa’ e torni ragazzina

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it