“No, non è possibile!!”. Bimba muta lasciata in auto sotto il sole: morta. Dove è successo. La mamma non si dà pace


Ancora un dramma in auto. Ancora una volta una bambina lasciata sotto il sole cocente. Questa volta non si tratta di una bimba di pochi mesi, bensì di una ragazzina di undici anni: la vittima non è riuscita a chiudere aiuto poiché muta fin dalla nascita e dunque impossibilitata a farsi sentire al di fuori dell’abitacolo. La tragedia è avvenuta nella contea di Suffolk, nello stato di New York negli Stati Uniti: la mamma, insieme alla vittima e ai fratelli, erano appena tornati da un giro in centro per fare shopping prima della tragedia; la donna e due dei tre figli sono rientrati nella loro abitazione. La mamma, credendo che anche la terza bimba l’avesse seguita, non si è accorta di nulla. Poi, non trovandola, è corsa fuori e l’ha trovata senza vita ancora chiusa nella sua Ford. “Dopo essere tornata a casa, la madre della ragazza è entrata dentro credendo che tutti i bambini fossero fuori dalla macchina”, ha sottolineato la polizia della contea di Suffolk. (Continua a leggere dopo la foto)







I familiari della vittima e i primi soccorritori hanno provato a salvare la piccola: la tragedia si è consumata martedì 28 agosto intorno alle 15.45. La piccola è stata portata all’ospedale Stony Brook dove è stata dichiarata morta. “È una tragedia”, ha detto il tenente Kevin Beyrer. “È simile a un annegamento. È qualcosa che non succede tutti i giorni. È una tragedia inenarrabile. Martedì l’alta temperatura della cittadina di Coram era di oltre 30 gradi. (Continua a leggere dopo la foto)






“Tesoro, eri un angelo. Non ci posso ancora credere” ha detto una vicina della famiglia che adesso non riesce a darsi pace. Dello stesso avviso un’altra vicina, Dona Heester, che non riesce a capacitarsi di come la bambina possa essere stata lasciata sola dai genitori che sono le “persone più belle che abbia mai conosciuto”. La mamma della piccola vittima è una madre: “Molto attenta, presta sempre attenzione ai suoi piccoli. Non potresti trovare una coppia di genitori migliore, non è possibile”, ha confermato ancora Heester. “Li conosco da 20 anni e non ha mai lasciato i suoi figli da soli – ha spiegato un altro vicino – mi chiedeva di prendere i bambini io se non riusciva ad andare lei. È sempre stata attentissima”. (Continua a leggere dopo la  foto)




 

Già, è quello che si chiedono tutti ogni qualvolta succedono simili tragedie. Come si fa a dimenticarsi la cosa più importante della propria vita all’interno di un’automobile? Gli esperti parlano di  amnesia dissociativa: una sorta di vuoto di memoria transitorio che porta a una sconnessione delle funzioni della coscienza dalla memoria; un’amnesia temporanea che porta a dimenticare totalmente un pezzo di esistenza, di vita e di tempo per un dato lasso temporale. Generalmente può essere scatenato da momenti di intenso stress, traumi o situazioni di particolare tensione e stanchezza fisica e mentale. L’amnesia dissociativa, avvisano gli esperti, può infatti capitare a chiunque ed è bene conoscerne caratteristiche, sintomi e possibili strategie preventive per evitare di arrivare a livelli ingestibili di stress.

Leggi anche:

“L’abbiamo trovata”. Eleonora Contin, arriva la più tragica delle notizie

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it