Raid contro scuolabus: decine di bambini morti. “È una mattanza”


Una carneficina. Almeno 39 bambini sono morti e altre 50 persone sono rimaste ferite nel nord dello Yemen in seguito a raid aerei che hanno colpito uno scuolabus e un affollato mercato nella provincia di Saada. "Dopo un attacco contro un bus che trasportava bambini in un mercato di Dahyan, nel nord di Saada, un ospedale sostenuto dal Cicr ha ricevuto decine di morti e di feriti". Lo ha annunciato il Comitato internazionale della Croce Rossa su Twitter.  Secondo leader tribali locali l'attacco è stato sferrato dalla coalizione a guida saudita. In precedenza l'Arabia Saudita aveva ufficializzato la morte di un civile e il ferimento di altri 11 a causa dei frammenti di un missile lanciato dai ribelli shiiti dello Yemen nel sud del regno. (Continua a leggere dopo la foto)


Si tratta dell'ennesimo attacco terroristico, il secondo di questo agosto 2018. Lo scorso giovedì, giorno 2, si è registrato un  raid delle forze guidate dall’Arabia Saudita contro la città di Hodeida, nell’ovest del paese. "Finora abbiamo contato 52 morti e 102 feriti nel mercato e davanti all’ingresso dell’ospedale della Rivoluzione", hanno dichiarato Abdelrahman Yaral, direttore dell’Ufficio sanitario ancora controllato dai ribelli Houthi. Gli attacchi contro la città arrivano nel momento in cui le Nazioni Unite cercano di raggiungere un accordo di cessate il fuoco tra le parti in guerra. (Continua a leggere dopo la foto)

I ribelli houthi dello Yemen ha detto di aver cessato unilateralmente gli attacchi nel Mar Rosso per due settimane per sostenere gli sforzi di pace.  Solo a fine luglio l’Arabia Saudita aveva sospeso le esportazioni di petrolio attraverso un canale strategico del Mar Rosso dopo gli attacchi condotti dagli houthi alle petroliere il 25 luglio 2018. A giugno, le forze armate dello Yemen sostenute dalla coalizione guidata dall’Arabia Saudita avevano ripreso il controllo dell’aeroporto della città portuale di Hodeida, in mano ai ribelli. (Continua a leggere dopo la foto)

 

Perché ci sono questi attacchi in questa zona dello Yemen? La città di Hodeida è uno dei luoghi chiave per garantire la sicurezza della popolazione, a rischio carestia. Il porto di Hodeida è l’unico, tra quelli più importanti presenti in Yemen, ancora nelle mani dei ribelli houti.

Leggi anche: 

“Un’esplosione violentissima. Si è fatto saltare in aria”. Attimi di terrore: la situazione