“È stata lei”. A 15 anni si arma e uccide i genitori, poi la scoperta assurda


 

Aveva aperto il telefonino e iniziato a navigare in rete, cercando nello specifico delle informazioni sulla trama di “film dell’orrore dove i bambini uccidono gli adulti”. Ha passato diversi minuti così, saltando da una pellicola all’altra per raccogliere informazioni. Poi ha messo in atto il suo piano nel peggiore dei modi, massacrando davvero i parenti. Una ragazzina di soli 15 anni di nome Daejona Holmes è infatti accusata di aver ucciso la madre Kinderly, 37enne, sparandole e centrandola per due volte, fatalmente. Poi ha rivolto l’arma con il padre Brian e ha fatto fuoco anche contro di lui. Un duplice omicidio avvenuto nella casa di Kansas City dove la famiglia viveva, negli Stati Uniti, e dove poi la ragazzina ha chiamato le forze dell’ordine. Nella telefonata al 911, aveva parlato di una sparatoria seguita al tentato furto da parte di un ladro, spiegando che i genitori erano rimasti gravemente feriti. (Continua a leggere dopo la foto)



Inizialmente le forze dell’ordine avevano anche creduto alla sua versione, ma col passare delle ore era subito emersi inquietanti indizi che alla fine hanno portato alla terribile scoperta. La ragazza aveva infatti iniziato a contraddirsi in maniera evidente mentre veniva sottoposta a successivi interrogatori, mentre la scientifica ricostruiva gli ultimi momenti di vita dei genitori. Poi altri dettagli venuti a galla, ancora più inquietanti. (Continua a leggere dopo la foto)


La ragazza da tempo aveva iniziato ad ascoltare canzoni che parlavano proprio della morte di un genitore o di entrambi, oltre a cercare film che avessero lo stesso argomento al centro della trama. Nella casa, gli agenti hanno trovato anche alcuni disegni abbastanza espliciti realizzati dalla stessa quindicenne dove si vedeva Daejona sparare al padre, sinistra anticipazione di quanto poi realmente accaduto all’interno della casa. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Daejona ha poi confessato l’omicidio, suggerendo anche agli investigatori dove trovare la pistola, nascosta nel terreno del vicino di casa. In sua difesa, come riporta il Sun, si è schierato in queste ore lo zio della ragazza, che ha parlato di abusi sulla piccola da parte del padre negli ultimi che l’avevano portata a covare verso di lui e verso la madre un odio ferocissimo.

”È morto”. Giornalismo italiano in lutto: l’addio in diretta a La7