“Purtroppo è lei”. Scompare a 13 anni, poi il terribile ritrovamento nei boschi


 

L’ultima volta che l’avevano vista si trovava a casa, da sola, e non aveva detto a nessuno che sarebbe uscita. Al ritorno, però, i genitori non l’avevano più trovata all’interno dell’abitazione e così, preoccupati, avevano provato inutilmente a contattarla. Un giro di telefonate agli amici, le ricerche nei dintorni. Poi l’allarme lanciato alle forze dell’ordine, che avevano subito dato il via a una caccia serrata per cercare di capire che fine avesse fatto Lucy McHugh, una ragazzina di soli 13 anni. La svolta è arrivata due giorni dopo, quando purtroppo un passante ha fatto per caso un terribile ritrovamento nel bosco: il corpo della ragazzina, senza vita, identificato subito. Un caso terribile che però potrebbe essere arrivato alla sua conclusione. Le forze dell’ordine hanno infatti fatto sapere di aver arrestato un giovane di 24 anni, accusato di aver ucciso Lucy e di aver tentato di occultarne il corpo tra gli alberi vicino un centro sportivo a Southampton, in Inghilterra. (Continua a leggere dopo la foto)



Stando alle prime ricostruzioni fatte dalla stampa inglese, il ragazzo prima dell’omicidio avrebbe anche consumato un consumato un rapporto sessuale con Lucy. Non è ancora chiaro il motivo che lo ha spinto a uccidere la minore. “Una morte davvero terribile – si è limitato  a commentare un portavoce della polizia locale – il nostro pensiero va in queste ore alla famiglia di Lucy. Non possiamo rilasciare altre informazioni sul caso, le indagini sono ancora in corso”. (Continua a leggere dopo la foto)


Il fermo del 24enne finito in manette è stato però confermato dal giudice. Resta ancora il mistero su alcune delle ferite riscontrate sul corpo della ragazza e sulla quale al momento restano molti dubbi: gli esami non hanno ancora chiarito con certezza come se le sia procurate. La giovane è stata avvistata il giorno della scomparsa da un vicino, che l’aveva vista camminare in strada con addosso una giacchetta nera. Per giorni polizia e volontari l’avevano cercata disperatamente. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Sotto choc i genitori, che fino all’ultimo avevano sperato in un lieto fine. Tantissimi i messaggi comparsi in queste ore sui social per ricordare la giovane, che i compagni di scuola hanno descritto come una “bella persona, sempre pronta a dare una mano quando qualcuno ne aveva bisogno”.

“Mia moglie Veronica…”. Omicidio Loris Stival: il nuovo dramma di papà Davide