“Ci dispiace, tua figlia è morta”. Apre il telefono e legge queste parole: l’incubo di ogni mamma


 

Immaginate l’orrore che deve aver provato questa madre quando, aprendo per caso il telefonino come si fa ogni giorno appena c’è un attimo di pausa, ha visto un messaggio che aveva iniziato a circolare su Snapchat. Il contenuto, inequivocabile: accanto alle immagini della figlia c’erano infatti frasi come “questa povera ragazza si è tolta la vita, stanca delle prese in giro a scuola e vinta dalla depressione. Siamo sconvolti per quanto accaduto, abbiamo pubblicato questo post per informarvi di quanto accaduto”. Apriti cielo. Victoria Williams, la madre della giovane in questione, si è sentita precipitare di colpo in un incubo, un pozzo senza fondo. Salvo scoprire poi che in realtà Seren, questo il nome della figlia, era viva e vegeta e che quello in cui si era imbattuta non era che un terribile scherzo messo in atto da alcuni compagni in vena di bravate di cattivissimo gusto. (Continua a leggere dopo la foto)



La donna, originaria della città di Wrexham nel Regno Unito, ha raccontato l’accaduto sulle pagine del Mirror. Madre di tre figli in totale, ha spiegato: “Avevo da poco lasciato Seren a casa di un’amica, non erano passate che poche ore. Quando ho visto quel messaggio che stava circolando in rete mi sono sentita svenire, mi sono seduta e ho preso fiato prima di leggerlo una seconda volta. Non riuscivo a credere che fosse potuto accadere qualcosa di così orribile alla mia bambina”. (Continua a leggere dopo la foto)


“Ho chiamato subito la sua amica – prosegue Victoria – che ha pensato fossi impazzita. Mi ha detto che Seren era di fronte a lei, viva e vegeta, e che non era successo niente di male. Solo in quel momento sono tornata davvero a vivere, dopo uno spavento così grosso”. La donna a quel punto ha anche pubblicato un messaggio sui social per rassicurare amici e parenti della figlia, spiegando che il contenuto che stava circolando in rete era in realtà una bufala. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Nelle ore successive è emerso che lo scherzo virtuale era stato organizzato da alcuni compagni di scuola di Seren per prenderla in giro: “Non so come sia possibile essere così crudeli già da ragazzi – conclude la madre – spero soltanto che gli autori del messaggio si rendano conto di quanto siano riusciti a fare del male alla famiglia e agli amici di mia figlia. Abbiamo già denunciato l’accaduto e spero in serissime conseguenze per tutti”.

“Lutto cittadino”. Il dramma di Barbara: quasi mamma morta all’improvviso