Attentati a Giacarta, spunta un video choc: l’attimo in cui il kamikaze si fa saltare in aria davanti allo Starbucks. (Attenzione: immagini forti)


 

Mentre si apprende, tramite l’agenzia stampa Aamaaq – legata allo Stato Islamico -, che gli attacchi di Giacarta sono stati opera di combattenti, nuove sconcertanti novità spuntano sugli attentati davanti allo Starbuck. Ancora incerto il numero delle vittime – si parla di sette morti – e anche il numero degli assalitori non è chiaro, fino a 14 secondo le prime informazioni, cinque in base alla ricostruzione della polizia. Il portavoce della polizia indonesiana, generale Anton Charliyan, ha detto che gli assalitori “hanno imitato le azioni terroristiche di Parigi, è probabile che siano dell’Isis”. Il portavoce ha ricordato che la polizia a novembre aveva ricevuto alcune informazioni su una minaccia da parte dello Stato Islamico, secondo cui “ci sarebbe stato un concerto” in Indonesia, e cioe’ un attacco. La polizia indonesiana ha arrestato quattro sospetti militanti che si ritiene siano coinvolti nella sparatoria e negli attacchi bomba che, questa mattina, hanno scosso la capitale indonesiana. Un video sta particolarmente scioccando il mondo intero, forse uno dei primi e unici filmati in cui si vede azionare il giubotto dal kamikaze per poi saltare in aria. Un filmato violento, sconsigliato ai facilmente suggestionabili.

(continua dopo il video)

In tutto le esplosioni sono state sette nel quartiere che ospita ambasciate e un ufficio dell’Onu. La prima è stata avvertita quando nella capitale indonesiana erano circa le 10.30 del mattino (le 4.30 in Italia), vicino all’incrocio tra via Thamrin e via Wahid Haysim e almeno un’altra è avvenuta vicino al quartier generale delle Nazioni Unite, su via Thamrin. Tre kamikaze, inoltre, avrebbero preso di mira un vicino caffè Starbucks, situato nel palazzo Skyline. Il presidente dell’Indonesia, Joko Widodo, ha condannato gli attacchi ed ha ordinato al capo della polizia nazionale e al ministro per gli Affari politici e la sicurezza di catturare i responsabili. Le autorità del Paese avevano messo in guardia la popolazione contro minacce credibili il mese scorso ed avevano rafforzato le misure di sicurezza nelle chiese, negli aeroporti e in altri siti a rischio in tutto il Paese. Gli attentati seguono infatti una minaccia dell’Isis il mese scorso, quando lo Stato islamico aveva preannunciato un’azione che avrebbe messo l’Indonesia “sotto la luce dei riflettori”.

Ti potrebbe anche interessare: Terrorismo, Indonesia sotto assedio: varie esplosioni a Giacarta, attacco anche all’Onu. Il video choc dell’attentato a uno Starbucks