“Io brutta? Ecco la mia risposta”. La rivincita di Tallulah Willis, figlia di Bruce e Demi Moore. Per una vita i bulli gliene hanno dette di tutti i colori: “grassa”, “non puoi avere genitori così belli”. Con uno scatto e un post, però, la ragazza ha reso ora pan per focaccia. E il web applaude


 

Anche le star, quelle alle prese con le critiche cattive e spesso infondate, sanno prendersi le proprie rivincite. Nello specifico, la giovane Tallulah, nata di fatto già celebrità a causa del curriculum di grido di mamma e papà. Lui Bruce Willis, sex symbol e re dei film d’azione di Hollywood. Lei Demi Moore, bellezza unica e capace di far perdere la testa a ogni uomo. Per la figlia della coppia supervip, però, le cose non sono andate affatto per il meglio, almeno in passato. Le dicevano che era brutta, che da due genitori belli come i suoi non poteva essere nata una figlia così, che era troppo grassa per la sua età e che non sarebbe andata lontano. Una cantilena che Tallulah si è sentita ripetere per dieci anni e che però ha voluto lasciarsi per sempre alle spalle con il suo ultimo selfie in bikini, dedicato a tutti i bulli incontrati nelle sua vita e utile per dimostrare di aver finalmente fatto pace con stessa. “Dedicato a chiunque mi abbia chiamato ‘brutta’ quando avevo 13 anni” ha scritto infatti su Instagram la ragazza, a corredo dello scatto, pubblicato poco dopo quello con le due sorelle maggiori. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare: L’AMORE VINCE TUTTO. IL VIDEO VIRALE CHE SPOPOLA IN RETE…





Il post di riscatto ha ottenuto più di 20 mila apprezzamenti e centinaia di commenti di chi, come lei, ha un passato burrascoso alle spalle. Tallulah, come ricordato dall’Huffington Post, ha combattuto per anni contro il suo corpo, arrivando a pesare 43 chili a causa della dismorfofobia, un disturbo psicologico che porta a una visione distorta che si ha del proprio aspetto esteriore. La sua rinascita è arrivata col progetto “What’s Underneath”, grazie al quale è riuscita a mostrare il suo corpo non più anoressico e a sentirsi bella. Il post della 23enne ha ricevuto molti messaggi di incoraggiamento sul social fotografico. (Continua a leggere dopo le foto)








 

“Tu e le tue sorelle siete incantevoli e avete delle personalità ilari” scrive con entusiasmo uno dei suoi 170 mila fan, mentre un altro osserva: “Non devi preoccuparti di quello che ti veniva detto quando avevi 13 anni. La bellezza è relativa e dipende da chi osserva. Per me, sei bellissima”. Alcune utenti di Instagram, poi, hanno sfruttato la confessione di Tallulah per raccontare del loro passato. “Ho avuto a che fare con il bullismo in tutta la mia vita. Le donne devono sapere che valgono molto di più di come appaiono”.

”Ho tentato il suicidio due volte”. Nasce con una grave malformazione al volto e questa è la sua faccia quando era un bambino (e subiva le angherie dei bulli). La sua vita è sempre stata difficile e costellata di crudeltà. Eppure, oggi, a 37 anni, è riuscito nel suo ‘’intento’’. Eccolo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it