“Un click mi ha salvato la vita”. Anoressica, incapace di reagire e rialzarsi, naviga un giorno in rete fino a imbattersi in un profilo su Instagram. Da quel giorno, la sua vita cambia per sempre


 

I social network, alle volte, possono anche salvare la vita. Nonostante le tante critiche che vengono mosse solitamente alle arene virtuali, accusate di dare sfogo ai lati peggiori delle persone, a dare un esempio in senso decisamente contrario è Emelle Lewis, una ragazza inglese di Huddersfield che in passato ha sofferto di anoressia e che è riuscita a rinascere proprio grazie a Instagram, come raccontato da lai stessa. Sul suo profilo ha pubblicato una foto che mostra il cambiamento del suo corpo nel tempo, un post che è diventato subito virale e ha dato speranza a tante ragazze nella sua stessa situazione. “Quando nessuno credeva in me, l’ho fatto io” ha scritto infatti Emelle sui social. “Ho preso la decisione di riprendermi e l’unico modo era riuscirci per conto mio. Ogni volta che cadevo mi sono rialzata, diventando un po’ più forte, perché ero determinata nel non farmi battere” ha continuato poi nel suo post. Le bacheche di Facebook e Instagram di Emelle ora sono piene di messaggi positivi, volti a incoraggiare chi è ancora nel tunnel. “La parte più dura è stata credere che ne valesse la pena, ma oggi posso dire con orgoglio che io valgo, cavolo, e niente mi fermerà ora. Non importa quanto la strada sia impervia” ha quindi concluso. “Continuate a camminare, continuate a credere in voi stessi e ricordate: ve lo meritate!”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare: L’AMORE VINCE TUTTO. IL VIDEO VIRALE CHE SPOPOLA IN RETE…






In un’intervista al Daily Mail, la ragazza ha raccontato il suo percorso. Ha iniziato a soffrire di anoressia a partire dai 15 anni, perché si sentiva “grassa e brutta” e non riusciva a trovare un fidanzato: ha quindi pensato che non mangiare l’avrebbe aiutata a tornare in forma. A causa del disturbo alimentare, Emelle era arrivata a pesare solo 32 chili ed è stata costretta a 7 ricoveri ospedalieri. “Quanto ero malata, non credevo che ci fosse qualcosa di sbagliato in me ed ero convinta sinceramente che avrei potuto vivere una vita normale mantenendo quel peso” ha confessato al tabloid britannico. “Ho rifiutato le cure ed ero convinta che tutti ce l’avessero con me, che mi mentissero e che cercassero di rovinare la mia vita”. (Continua a leggere dopo le foto)








 

Navigando in rete , su Instagram, Emelle ha però scovato degli account di ragazze un tempo anoressiche e che poi si erano riprese: ha capito che non voleva morire e ha chiesto alla madre di iniziare un programma di recupero. Ora gli anni bui sono alle spalle, studia psicologia ed è orgogliosa di se stessa. “Mi piace il mio corpo. Sono una persona più forte di prima e vedo il mondo con occhi diversi. Devi trovare qualcosa che ti appassiona, su cui puoi concentrarti tutto il tempo e usare le tue energie per raggiungerlo. Viviamo una volta sola, non sprecate la vostra vita” è il messaggio che lancia ha chi sta soffrendo.

‘’Sono grassa, non troverò mai un ragazzo’’. Pesa 30 chili e ha tantissimo spazio tra le cosce: a forza di mangiare solo gallette di riso e insalata, è riuscita a ottenere il corpo scheletrico che sognava. Ora quando passa, tutti la guardano e la ragazza crede che la loro sia invidia. Dopo anni di ossessioni, però, riesce a guarire dall’anoressia. Ci riesce così. Bravissima (e splendida)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it