Esce di casa a 19 anni per andare a una festa con gli amici. Poi, scompare nel nulla senza lasciare tracce. Ore di attesa, con il fiato sospeso, prima della drammatica conferma


 

Un caso che aveva tenuto con il fiato sospeso un paese intero e che purtroppo però si è risolto nella peggiore delle maniere, sconvolgendo gli utenti di tutto il mondo. È finita infatti in tragedia la scomparsa di una teenager di Chicago, della quale si erano perse le tracce dopo una festa a cui aveva partecipato con un gruppetto di amici. Giorni di attesa, di speranza. Poi la drammatica verità. Come ha confermato la famiglia, infatti, il cadavere della 19enne Kenneka Jenkins è stato ritrovato nel congelatore di un hotel di Rosemont, sobborgo alla periferia della città dell’Illinois, negli Stati Uniti. Ora si indaga per capire cosa le sia successo e identificare i responsabili della sua morte. Non è ancora chiaro nemmeno se la giovane sia stata uccisa o se sia morta per cause accidentali, con l’ipotesi . (Continua a leggere dopo la foto)







Le autorità hanno spiegato che la ragazza verso le 23.30 di venerdì sera era uscita dalla sua casa per recarsi ad una festa al Crowne Plaza Chicago O’Hare Hotel & Conference Center, una struttura di Rosemont molto famosa. L’ultima volta che ha parlato con la sorella è stato intorno all’1.30 del mattino, quando ha avuto con lei una conversazione telefonica. Di lì a poco sarebbe scomparsa nel nulla, senza testimoni a ricostruirne gli ultimi spostamenti. (Continua a leggere dopo le foto)








 

Verso le 4 alcuni amici, non vedendola più tornare, hanno iniziato a dare l’allarme perché non avevano più tracce di lei, dopo aver provato da soli a cercarla senza però risultati. Secondo quanto dichiarato dalla madre della giovane, Teresa Martin, la polizia la polizia ritiene che Kenneka possa essersi chiusa da sola nel freezer mentre era in stato di ebbrezza. Ieri è stata eseguita l’autopsia, ma il medico legale non ha ancora diffuso informazioni sulle cause e sulla dinamica della morte.

Malaria, cosa è e come si trasmette. Dopo la morte della piccola Sofia, 4 anni, l’Italia si interroga. Anche perché nel nostro paese questa malattia infettiva è scomparsa negli anni ’50. Le informazioni utili

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it