Un bambino di 5 anni corre terrorizzato dalla madre, sconvolto. Lei, inizialmente scettica, va a controllare per tranquillizzarlo. Ma quando alza la tavoletta, ecco l’orribile sorpresa


 

“Mamma mamma, c’è un mostro nel bagno”. Una frase del genere, pronunciata da un bambino di soli cinque anni, potrebbe essere considerata da molti genitori come una semplice suggestione, una paura ingiustificata da parte di un figlio piccolo forse ancora troppo fantasioso. E invece in questo caso specifico si trattava di un allarme serio e concreto, per quanto ai limiti dell’inverosimile. La terrificante creatura si annidava infatti davvero all’interno della tazza, come in un film horror. Nello specifico, si trattava di un lungo e minaccioso serpente. Tutto è successo a Southend, in Inghilterra, dove la signora Laura Cowell si era già accorta da un paio di giorni che il bagno non funzionava correttamente. Quello che non avrebbe mai potuto immaginare è che dietro quello scarico che faceva le bizze c’era in realtà un gigantesco rettile, fuggito probabilmente dalla casa dei vicini, appassionati di rettili, che avevano da poco traslocato spostandosi altrove. “Quando mio figlio è corso da me urlando, ho sollevato la tavoletta e me lo sono trovata di fronte” racconta alla pagine del Daily Star. (Continua a leggere dopo la foto)



Non sapendo come affrontare l’intruso, la signora a quel punto ha chiamato gli specialisti di un vicino negozio di animali per rimuovere il pitone, questa la razza, dal bagno. “Ci è preso un colpo quando lo abbiamo visto – raccontano gli addetti intervenuti sul posto – quando ci hanno telefonato pensavamo a uno scherzo. Per fortuna siamo riusciti a recuperare l’animale e portarlo via. Ora sta bene, è un po’ sotto shock ma si riprenderà in pochi giorni”. (Continua a leggere dopo le foto)



 

“Probabile che il serpente si sia nascosto da qualche parte nell’abitazione nei nostri vicini, che non trovandolo hanno pensato fosse semplicemente fuggito. Alla fine dev’essersi infilato giù per il water, raggiungendo la nostra abitazione lì accanto. Confesso di essere rimasta terrorizzata: anche quando mi hanno assicurato che non c’erano altri animali in giro, mi facevo accompagnare da mio marito in bagno per fare i miei bisognini”.

Potrebbe interessarti anche: “Mio Dio, ma che avete fatto?”. Rapiscono il figlio dall’ospedale nel quale è ricoverato per una brutta malattia, convinti di poterlo curare da soli. Così, questi due genitori prendono un serpente ed ecco cosa fanno