”Quel volo non le ha lasciato scampo”. Doveva essere una vacanza all’insegna del divertimento, ma per una giovane si è trasformata in tragedia. Il volo giù dal balcone e poi il sordo tonfo: il suo corpo è stato trovato in terra in una pozza di sangue


 

È morta dopo un volo da un balcone di un appartamento di un resort di Ibiza, situato al terzo piano. Un volo fatale per una ragazza di soli 20anni in vacanza nella famosa meta turistica delle Baleari. La notizia è riportata dal Mirror.co.uk, che annuncia che la vittima è di nazionalità britannica ma non ne rivela le generalità. Sono in corso indagini per ricostruire la dinamica dell’incidente e una parte del resort dov’è accaduto il terribile incidente, il Jet Apartments, a Platja d’en Bossa, è stato chiusa e sottoposta a sequestro. Nei giorni scorsi sono state tanti le morti dei giovani in vacanza tra Formentera, Ibiza e Barcellona. Luca Chiarabini, 27 anni, originario del Bocco di Casina, è morto lunedì sera, 7 agosto, a Formentera, nell’isola che aveva raggiunto il giorno stesso, il primo delle sue sospirate ferie. Stando a quanto ricostruito, il giovane si era sentito male in un ristorante della località spagnola, mentre era a tavola con la fidanzata Elisa e insieme si apprestavano a cenare. I soccorritori avevano provato a rianimare il ragazzo, ma non c’era stato nulla da fare. Venerdì 11 agostoNiccolò Ciatti, 22 anni, è stato pestato a morte in una discoteca, è rimasto in coma un giorno in un ospedale della città catalana per poi morire. (Continua a leggere dopo la foto)







La polizia spagnola ha arrestato tre giovani russi di 20, 24 e 26 anni che erano fuggiti dopo il pestaggio ma sono stati subito rintracciati e fermati sul lungomare. Secondo il quotidiano spagnolo La Vanguardia, il ragazzo si trovava tra la vita e la morte già da ieri, dopo la rissa avvenuta attorno alle 3 del mattino. I tre presunti aggressori avrebbero colpito il giovane con pugni, calci in faccia e in testa prima di darsi alla fuga ed essere però individuati e fermati dalla polizia. L’aggressione, secondo quanto emerge dalle prime notizie, si è consumata all’interno del locale. Niccolò abitava a Casellina, spiega il sindaco di Scandicci, Sandro Fallani. “Siamo sconvolti – dice Fallani -, è un episodio tremendo che ci ha toccato profondamente ed è necessario che si faccia chiarezza. Tutta la città è vicina ai familiari, faremo qualsiasi cosa per aiutarli, con l’affetto e con tutto il supporto necessario”. (Continua a leggere dopo la foto)








 

La storia della ragazza inglese riporta alla memoria degli italiani un altro tragico fatto di cronaca. 3Il agosto del 2011 una ragazza di appena 20 anni precipita dal balcone dell’Hotel Sant’Ana di Palma di Maiorca. Martina Rossi muore sul colpo. La polizia spagnola archivia frettolosamente il caso come suicidio ma la procura di Arezzo chiede il rinvio a giudizio di due giovani toscani accusati di aver tentato di stuprare Martina Rossi la quale, nel tentativo di scappare dalla finestra dell’hotel, cadde e morì. I due giovani rinviati a giudizio sono Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi e si trovavano in vacanza nello stesso resort della giovane. “Sono cresciuto – aveva detto il padre di Martina a Repubblica – impegnandomi a far diventare il mondo più bello e più giusto, ma scoprire attorno all’omicidio di Martina tanta cattiveria, meschinità e indifferenza continua a sconvolgermi”. “Non posso perdonare chi ha cancellato le prove” – “Avrei potuto capire la follia di un momento, ma non posso perdonare la lucidità di chi ha cancellato le prove, ha continuato la vacanza come nulla fosse, ha mentito in continuazione e ha continuato a far finta di nulla addirittura vantandosi su Facebook di quanto accaduto quella notte”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it