Eli Cox aveva solo 5 mesi e nella sua breve vita ha conosciuto solo violenza e disperazione. La sua mamma gli ha inflitto un dolore assurdo e inconcepibile e non erano solo botte. Come può una madre arrivare a tanto?


 

Ogni genitore ha il dovere di prendersi cura dei propri figli in modo amorevole, spesso è complicato, può essere difficile far collimare tutti gli impegni di lavoro e di vita, ma una madre sa che prima di tutto ci sono i suoi bimbi. Ci sono casi, tuttavia, in cui accade l’esatto contrario, casi in cui le persone deputate a far crescere i bambini nella serenità si macchiano di colpe indelebili. E a pagarne le conseguenze sono proprio i più deboli, le piccole creature indifese che del mondo devono ancora vedere tutto. Katherine Cox è una mamma di 33 anni, ha due figli di 9 e 5 mesi e un compagno Danny Shepherd, detto “Pickle”. Vivono tutti insieme nella loro casa di Minster-on-Sea sull’isola di Sheppey in Gran Bretagna. Era il mese di aprile, quando un vicino insospettito dalle urla e dal baccano provenienti dalla casa della Cox ha chiamato i soccorsi. Immediatamente è arrivata la polizia che per precauzione aveva portato anche un’unità di soccorso sanitario. Quando i soccorritori sono entrati in casa, lo spettacolo a cui hanno assistito era orribile e al tempo stesso di una tristezza infinita. (continua dopo la foto)








Eli, il piccolo di 5 mesi, era in condizioni disperate. Quando i sanitari lo hanno visto si sono subito resi conto che la situazione era di una gravità inaudita. Il bambino, infatti, aveva due evidenti contusioni sulla testa che nascondevano dei danni cerebrali irreparabili. Il neonato è stato subito trasportato in ospedale, ma quando è arrivato al pronto soccorso, i medici hanno fatto di tutto. Per due lunghe settimane hanno tentato il tutto per tutto, ma l 27 aprile Eli è morto. Quel bambino dolcissimo nella sua bravissima vita aveva conosciuto solo violenza e aggressività, pagando un prezzo troppo caro e inaudito. Dopo il suo decesso è stata aperta un’indagine e il procuratore Jennifer Knight ha ordinato di eseguire l’autopsia. Purtroppo il medico legale ha scoperto che in realtà i danni al bambino erano stati assai più gravi. (continua dopo le foto)








 


Sul corpicino di Eli sono state riscontrate ben 28 fratture, ma non era finita qui. Infatti, nei suoi organi interni sono state anche trovate tracce di sostanze stupefacenti: anfetamina e cocaina. I detective hanno iniziato a investigare e nel corso delle indagini è venuta fuori la peggiore delle notizie: l’unica persona ad essere entrata in contatto con il bambino era stata sua madre, quindi è stata lei la responsabile della terribile sorte capitata al piccolo Eli Cox. Così la donna è stata giudicata colpevole della morte del suo figlio più piccolo. Anche Danny Shepherd il compagno di Katherine è stato ritenuto colpevole, perché era a conoscenza di quello che la donna faceva ai suoi figli.

Ti potrebbe anche interessare: “Ecco cosa c’era in quel biberon”. Follia di una mamma di Roma che, per ben due volte, cerca di uccidere la figlioletta di 3 anni appena

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it