“Tesoro ti prego, facciamo sesso a tre…”. Glielo sussurra all’orecchio in ogni momento, lei fa la ritrosa, così il suo uomo insiste e la invita a fare un giro in barca. Ma la fuga amorosa finisce in tragedia: quello che lei ha fatto è terribile


 

Stava insieme a Vincent Viafore da qualche tempo e le cose tra loro sembravano andare bene. Ma Angelika Graswald era un po’ infelice per via delle continue insistenze di lui di fare sesso tre. Tra le lenzuola il loro rapporto andava la grande e per questo motivo l’uomo voleva aggiungere un po’ di pepe in più. La 37enne di origine lituana non era molto d’accordo, ma nonostante dicesse sempre di non volere, lui insisteva. La questione li aveva messi un po’ in crisi al punto che lei non ne poteva proprio più e aveva maturato una certa rabbia e diffidenza nei confronti del suo ragazzo. Era l’aprile del 2015 e per cercare di ammorbidire la relazione e avere un po’ di pace i due hanno deciso di fare una gita in kayak sul fiume Hudson. Tuttavia, Viafore ha approfittato di quell’occasione per ritornare all’attacco e chiederle di coinvolgere anche un’altra donna durante il sesso. Solo che a quel punto lei era veramente esausta ed è come stata colta da un raptus di follia. Durante la gita infatti l’imbarcazione è affondata in circostanze non chiare e alla fine l’uomo è morto. (continua dopo la foto)







Angelika dopo l’incidente ha subito chiamato il 911, il numero delle emergenze negli Stati Uniti, e all’agente all’altro capo del telefono ha detto di correre perché il suo fidanzato non si vedeva più. La polizia immediatamente si è messa alla ricerca di Vincent, ma dopo ore di perlustrazioni è stato rinvenuto il suo corpo ormai senza vita. Interrogata sull’accaduto la 37enne ha raccontato che si era verificato un incidente, che il kayak era affondato e che l’uomo era annegato. Lei presa dal panico ha raggiunto la riva. Questa ricostruzione però non aveva convinto nessuno. Infatti, dalla perizia effettuata sull’imbarcazione il foro che ha provocato il naufragio, sembrava doloso, più che accidentale. (continua dopo le foto)








 

Infatti, pochi giorni dopo l’accaduto la Granswald è stata arrestata, perché la versione dei fatti non era apparsa convincente agli inquirenti. E negli scorsi giorni, in un tribunale dello stato di New York la donna si è dichiarata colpevole dell’omicidio dell’uomo, avvenuto nell’aprile di due anni. È stata lei ad affondare intenzionalmente il kayak del fidanzato nel fiume Hudson, allo scopo di farlo annegare. Il motivo del gesto è dipeso dalle continue richieste di lui di avere rapporti sessuali a tre, alle quali la donna aveva deciso di voler mettere fine nel peggior modo possibile.

Ti potrebbe interessare anche: Lui, lui e lei. Sesso spinto (e senza censura) nel mare di Amalfi, sotto gli occhi di tutti, a poche centinaia di metri dalla riva. E il video, neanche a dirlo, diventa virale in rete

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it