Un terribile scherzo in aula, il gesto sconsiderato di un compagno che non si rende conto della situazione. Una morte tra i banchi di scuola, a soli 13 anni, che ha sconvolto alunni e famiglie. Un caso tragico e maledettamente sfortunato


 

Una tragedia assurda che ha scosso un’intera comunità e che sta tenendo banco in queste ore sui social. Un episodio apparentemente banale, uno scherzo fatto in aula tra una lezione e l’altra e che però è finito per costare la vita a un ragazzino di soli 13 anni, ricoverato in ospedale in gravi condizioni e morto poco dopo, nonostante gli sforzi dei medici che fino all’ultimo avevano tentato di salvarlo. A raccontare la terribile notizia è il Daily Star: Karanbir Cheema, uno studente della William Perkin High School di Londra, è rimasto vittima di un drammatico incidente che ha scatenato in lui una violentissima reazione allergica. Quando si sono accorti che non riusciva più a respirare i compagni hanno subito allertato il corpo docenti, che ha chiamato un’ambulanza. I soccorritori sono arrivati nel giro di pochissimo lo hanno portato in ospedale, inutilmente. A far discutere è però la dinamica dell’episodio costato la vita a Karanbir: un sandwich al formaggio, al quale era allergico, gli è infatti stato lanciato contro il viso da un compagno di scuola, che lo ha centrato in piena faccia. (Continua a leggere dopo la foto)



Un ragazzino di 13 anni, come la vittima, è stato fermato dagli agenti perché sospettato di essere il responsabile dell’accaduto. Stando alle ricostruzioni fornite dai compagni, il giovane avrebbe chiesto a un amico di avere un pezzo del suo panino al formaggio. Invece di mangiarlo, però, lo avrebbe scagliato contro il viso di Cheema, colpendolo in pieno. Quest’ultimo deve essersi poi inavvertitamente leccato le labbra, entrando così in contatto con l’alimento al quale era allergico. Nonostante si fosse sciacquato subito il viso, nel giro di pochi minuti si sono infatti iniziate a manifestare delle fortissime difficoltà respiratorie. (Continua a leggere dopo la foto)



 

“Una tragedia che ci ha segnato profondamente – ha detto la preside dell’istituto che Karanbir frequentava – siamo molto vicini alla famiglia di Karanbir, che nei prossimi giorni commemoreremo con una serie di iniziative dedicate alla sua memoria”. Non è ancora chiara la posizione del compagno di scuola fermato dagli agenti, interrogato a lungo sull’accaduto. Pare che fosse al corrente delle allergie di cui soffriva Cheema anche se non immaginava che lo scherzo da lui architettato potesse avere delle conseguenze così devastanti. Nelle prossime ore sarà fornito un quadro completo.

“Non riesco ancora a crederci. Prego per un miracolo”. La terribile rivelazione della star della televisione, distrutta dopo la notizia di un violento incidente stradale che ha coinvolto l’adorata sorella