Attentato a Manchester: “Ecco chi è l’autore della strage”. Saltano fuori nome e età, e c’è da restare veramente sbalorditi. Tutti i dettagli


 

Sono almeno 120 le persone rimaste ferite nell’attentato alla Manchester Arena. Lo hanno reso i servizi di soccorso, come riporta il Manchester Evening News, raddoppiando la prima stima effettuata, che era di 59 feriti. Il capo del North West Ambulance Service Derek Cartwright ha specificato che “59 persone sono state portate in ospedale, molte delle quali versano in condizioni gravi, mentre circa 60 sono stati sottoposti a cure sul posto”. Ora spuntano anche i dettagli sul criminale: secondo la Cbs e altri media l’attentatore che si è fatto saltare in aria alla Manchester Arena si chiamava Salman Abedi, aveva 23 anni ed era noto alle autorità britanniche. Ora, ovviamente, monta ancor di più la polemica per il fatto che molti sostengono che essendo l’attentatore noto alla polizia, poteva essere fermato in anticipo. Non ci sono tuttavia al momento conferme ufficiali. (Continua a leggere dopo la foto)



Stando a quanto riferiscono alcuni media britannici l’attentatore della Manchester Arena sarebbe stato un uomo da tempo noto alle forze dell’ordine. Sempre secondo gli esperti l’autore della strage sarebbe stato un individuo altamente formato e non un soggetto che ha trovato, attraverso ricerche sul web, il modo più efficace per far esplodere una bomba artigianale. “Tutta la nazione è rimasta scioccata da quanto accadutola scorsa notte a Manchester con tante vittime e feriti, adulti e bambini, che stavano solo godendosi un concerto” così la Regina Elisabetta ha espresso il suo cordoglio alle vittime dell’attentato terroristico all’Arena di Manchester. (Continua a leggere dopo la foto)



 

“So che parlo a nome di tutta la nazione esprimendo il  mio più profondo cordoglio  tutti coloro che sono stati colpiti da questo terribile evento e soprattutto alle famiglie e agli amici di coloro che sono morti o feriti” ha aggiunto la Regina in un comunicato ufficiale, aggiungendo: “Voglio ringraziare tutti i membri dei servizi di emergenza, che hanno risposto con professionalità e cura. E vorrei esprimere la mia ammirazione per il modo in cui la gente di Manchester ha risposto, con umanità e compassione, a questo atto di barbarie”.

 

Ti potrebbe interessare anche: ”Le mie bambine erano al concerto di Ariana Grande”. Attentato a Manchester, ore di paura per la star del calcio. Salve per miracolo la moglie Cristina e le due figlie: ”Ma sono sotto choc”. Cosa è successo