“Facevamo l’amore, poi è successa la tragedia”. Un caso assurdo che ha scatenato un vespaio di polemiche. Lui, 65 anni, trovato in camera con accanto il corpo senza vita della moglie.


 

Una storia incredibile, agghiacciante, che suonerebbe quasi come una sinistra barzelletta se non fosse che purtroppo una persona è stata ritrovata priva di vita. Un caso ha fatto il giro del mondo e sconvolto gli utenti americani quello che ha visto un uomo di 65 anni, Richard Henry Patterson, accusato dell’omicidio della moglie Francisca Marquinez, 60 anni. Stando all’accusa, l’uomo avrebbe soffocato la donna volontariamente fino a ucciderla. Lui, però, nega tutto e sostiene che si sia trattato di un incidente. Per la precisione, la consorte sarebbe morta mentre gli praticava del sesso orale a causa delle imponenti dimensioni del pene di Richard. L’uomo avrebbe anche chiesto al giudice di poter mostrare a tutti i suoi genitali così da poter aiutare una corretta ricostruzione dell’accaduto e sciogliere ogni dubbio residuo. Parole che ovviamente hanno suscitato non poche polemiche. (Continua a leggere dopo la foto)







Sul collo di Francisca non erano stati trovati segni di strangolamento, ma il sospetto che l’uomo avesse potuto soffocarla in altro modo è ancora ben radicato nell’accusa. Patterson ha però spiegato che a uccidere la donna sia stata soltanto una tragica fatalità durante un rapporto consumato nella stanza da letto della coppia. (Continua a leggere dopo la foto)






 



 

Come riportato dal Mirror, dopo essersi chiuso in camera con la donna ed essersi reso conto che era morta, l’uomo avrebbe poi scritto un sms ad alcuni familiari dichiarando di averla soffocata, ma che si era trattato solo di un incidente. Restano molti dubbi sulla sua versione, e non pochi utenti hanno affermato che si tratti di un tentativo piuttosto grottesco di sviare le indagini.

“Che schifo, ma quello è un pene!”. Choc in metropolitana: i passeggeri salgono a bordo e si trovano davanti un sedile “a luci rosse” sul quale nessuno ha il coraggio di sedersi

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it