Sparatoria in una scuola elementare. “Morti e feriti”. È accaduto durante le lezioni, nel giro di pochissimi minuti di terrore. Dove e cosa è successo


 

Momenti di puro terrore per gli allievi e gli insegnanti di una scuola elementare di San Bernardino, in California dove il 10 aprile intorno alle 10.30 (19.30 in Italia) si è verificata una sparatoria all’interno dell’edificio scolastico. Il canale Knbc, affiliato al network Nbc, dà per confermata la morte di due persone. In un tweet, il capo della polizia Jarrod Burguan spiega: “Riteniamo che si tratti di omicidio-suicidio. È avvenuto in classe. Due scolari sono stati trasportati in ospedale”. La polizia afferma inoltre che ci sono almeno quattro persone colpite, tra cui l’uomo che ha aperto il fuoco. Secondo la portavoce del distretto scolastico, Maria Garcia, sono stati colpiti un insegnante e altre due persone di cui si ignorano identità e condizioni. La stessa portavoce ha attribuito l’origine dell’accaduto a una “lite domestica”. La scuola interessata è la North Park Elementary School che è stata subito circondata dalla polizia arrivata in forze in zona. (Continua a leggere dopo la foto)








Sul posto oltre agli agenti sono accorse anche numerose ambulanze e vigili del fuoco se sul luogo è in azione il primo soccorso ai feriti. Gli scolari della North Park sono stati trasferiti in un vicino liceo, la Cajon High School, dove i genitori stanno accorrendo per recuperarli. Dalle prime ricostruzioni riportate dai media americani, lo sparatore è entrato in classe con il volto coperto con una bandana nera e ha aperto il fuoco. “Abbiamo avuto segnalazione di spari all’intero della scuola, dalle prime  informazioni preliminari ci sono 4 persone colpite e soccorse. Tra di loro forse anche l’aggressore” ha spiegato un portavoce della polizia locale. (Continua a leggere dopo le foto)





 

 

Secondo il britannico Daily Mail l’uomo che ha sparato era andato a scuola verso le 10,25 del mattino per risolvere una contesa con l’insegnante. Il capo della polizia Jarrod Burguan alla stampa ha assicurato: “Crediamo che il sospetto sia morto e non c’è un’ulteriore minaccia”. Il 2 dicembre 2015 San Bernardino fu teatro di una strage in cui trovarono la morte 14 persone, e 22 rimasero feriti. A compierla fu una coppia di coniugi.

Ti potrebbe interessare anche: “Non avete rispetto per i nostri morti”. Choc in Sicilia dopo la pubblicazione di un assurdo video promozionale di un’agenzia di viaggio. Cosa offrono ai turisti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it