Bomba in una chiesa, domenica delle Palme nel sangue. Almeno venti i morti, feriti a decine. Una strage. Dove è accaduto, le prime tremende immagini e tutti i dettagli


 

Sono almeno venticinque le persone morte e oltre quaranta quelle che sono rimaste ferite dopo un’esplosione nei pressi di una chiesa a Tanta, città egiziana a nord del Cairo. E in Egitto è una domenica delle Palme di sangue. La drammatica notizia arriva dall’emittente televisiva Al Arabiya e le immagini sono tremende. Stando a quanto appurato da fonti della sicurezza egiziana, a provocare l’esplosione sarebbe stato un ordigno esploso, che addirittura si sostiene possa essere stato posizionato proprio all’interno della chiesa di Mar Girgis. Sul posto sono immediatamente arrivate le squadre esperte di esplosivi. C’è una priorità, ovvero, assicurarsi che non ci siano altri ordigni innescati e che potrebbero ancora esplodere, provocando ancora vittime e feriti. Sempre secondo la televisione, stavolta quella di stato, è probabile che l’ordigno sia stato fatto esplodere a distanza. Subito dopo l’esplosione, sul posto sono arrivate le forze di sicurezza che hanno formato un cordone attorno alla chiesa copta Mar Girgis, teatro della tremenda esplosione. (Continua a leggere dopo la foto)







Come riporta il sito del quotidiano Al-Youm 7, in zona sono arrivati anche gli uomini della protezione civile, oltre agli esperti di esplosivi. La chiesa si trova nella zona Ali Moubarak, riporta il giornale Al Masry Al Youm. Nella chiesa si stava celebrando la Domenica delle Palme, come avviene in altri paesi. Una celebrazione funestata da un tremendo attentato che ha portato morte, feriti e disperazione. (Continua a leggere dopo le foto)






 



 

 

Le autorità egiziane ancora non hanno dato una versione ufficiale dei fatti accaduti e non ci sono quindi dichiarazioni. Si sa, appunto, che la zona è circondata dalla polizia e che i controlli sono rigidissimi. Tra l’altro, proprio in Egitto è prevista a fine mese la visita di papa Francesco. Il pontefice sarà nel paese il 28 e il 29 aprile.

“Attacco chimico all’aeroporto”. Isis choc, oltre ogni limite: attentato jihadista, decine di persone colpite

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it