“Voglio prendermi la tua verginità”. Tutto questo proprio in una scuola: prima i messaggi a luci rosse, poi la scoperta choc. Cosa succedeva in quella macchina, lontano da tutti


 

Ancora un insegnante nella bufera, dopo alcuni casi che già nelle scorse settimane erano finiti sulle pagine dei principali quotidiani. Teatro della vicenda, riportata dal Daily Mail e capace di accendere subito feroci discussioni in rete, sono gli Stati Uniti, in particolare l’Alabama, dove una donna di 30 anni è stata accusata di aver avuto delle relazioni sessuali con due suoi allievi (in un caso minorenne) e di aver intrecciato una relazione virtuale dai toni molto espliciti con un terzo. Protagonista lei, Ashley Pruitt, che all’epoca dei fatti insegnava alla Locust Fork High School. Tra lei e due giovani che frequentavano la struttura, uno di 16 anni e uno di 18, sarebbero improvvisamente nate delle storie d’amore, in cui non sono mancati momenti d’intimità anche se non è mai stato consumato un vero e proprio rapporto. La donna è ora in attesa di conoscere l’entità della condanna da parte del giudice, considerando che gli elementi sulla sua colpevolezza sono decisamente schiaccianti. (Continua a leggere dopo la foto)







 

“Usava i social network per circuire ragazzi io giovanissima età e convincerli a entrare in intimità con lei”: questo è quanto emerso durante il progresso, durante il quale sono state rese pubbliche delle immagini inviate su Snapchat a fine ottobre del 2014 dalla donna a uno degli studenti. Selfie molto a luci rosse in cui l’insegnante mostrava i propri genitali e il seno all’altro, all’interno di una conversazione che ovviamente aveva assunto toni molto sopra le righe. (Continua a leggere dopo la foto)






 



 

A un certo punto Ashley avrebbe addirittura detto a uno dei suoi giovanissimi amanti di “voler prendere la tua verginità”. Con uno di loro la donna, sposata, avrebbe anche avuto degli incontri in macchina durante i quali, tra baci e palpatine, gli aveva praticato anche del sesso orale. Tra le accuse nei suoi confronti c’è anche quella di aver distribuito del materiale pornografico a minori.

“Lo ha obbligato a togliersi i pantaloni. Poi si è avvicinata e…”. Choc a scuola: l’incredibile retroscena a luci rosse che ha visto finire nella bufera lei, insegnante da sempre molto apprezzata

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it