Allarme caldo killer, le temperature uccidono ancora. E in India i morti sono 1.150


 

È salito a più di 1.150 morti il bilancio delle vittime causato dall’ondata di caldo record che da diversi giorni sta investendo l’India settentrionale e sud-orientale. Lo Stato più colpito è quello dell’Andhra Pradesh dove 884 persone sono morte dal 18 maggio, la maggior parte delle quali (668) tra sabato e lunedì, quando a colonnina di mercurio ha raggiunto i 48 gradi centigradi in alcune zone. Altre 269 persone sono morte nel vicino stato di Telangana.

Il caldo estremo e le tempeste di sabbia hanno provocato più di 75 morti anche negli stati di Orissa, del Bengala Occidentale, Madhya Pradesh e del Rajasthan. La maggior parte delle vittime sono senzatetto, anziani o operai edili e stradali. Disagi anche a New Delhi, dove le temperature massime hanno superato i 45 gradi.

Il Dipartimento meteorologico indiano ha previsto una breve tregua da domani con pioggia e rovesci temporaleschi in alcune parti degli Stati. Ma probabilmente, prima dell’inizio della stagione dei monsoni, si avrà un altro periodo di caldo intenso.

Caffeina news by AdnKronos

www.adnkronos.com







Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it