“Violentata dal preside e tre insegnanti”. Orrore a scuola: una 12enne ritrovata così, sotto choc e con una grave emorragia. “É la mia unica figlia”, le lacrime e le accuse della mamma


 

Ancora un’altra violenza di gruppo, questa volta ai danni di una dodicenne. La ragazza è stata violentata in uno dei luoghi che dovrebbe proteggere di più gli adolescenti: la scuola. Quelle mani che l’hanno colpita, strattonata, violentata e ridotta in fin di vita sono quelle del preside della scuola e di tre insegnanti. La ragazza, mentalmente instabile, è figlia unica ed abita da sola con sua madre, per questo la donna, per prendersi cura di lei, alcuni giorni la porta a scuola con lei. Di certo non immaginava che sarebbe successa una tragedia simile. Il portavoce della polizia locale ha specificato che sono stati accusati di stupro sia il preside della scuola che i tre insegnanti, al momento tutti in fuga. La ragazza invece è ricoverata purtroppo in condizioni molto gravi, i medici confermano che la sua situazione resta critica. La madre è decisa a chiedere giustizia per sua figlia. “Solo dopo che starà meglio e sarà fuori pericolo. Adesso la cosa importante è salvarla”. (Continua a leggere dopo la foto) 








Il portavoce della polizia ha confermato che le condizioni della ragazza sembrano confermare la versione dei fatti fornita dalla madre, per questo è stato già spiccato un mandato d’arresto contro i colpevoli. Il fatto è accaduto in India, nello stato del Bihar, precisamente nell’istituto scolastico di Kako. Nello stato quasi quattro donne indiane su cinque hanno subito un qualche tipo di molestia in pubblico: dagli sguardi insistenti, gli insulti e i fischi per strada all’essere seguite, palpeggiate e violentate.

(Continua a leggere dopo le foto) 








 

Attraverso un sondaggio si è scoperto che circa l’84 per cento delle donne intervistate che hanno denunciato di aver subito molestie, è composto da studentesse e donne che lavorano, di età compresa tra i 25 e i 35 anni. Più del 50 per cento di loro ha dichiarato di essere state seguite almeno una volta, mentre il 30 per cento ha raccontato di avere subito palpeggiamenti in pubblico o di avere incontrato uomini che si sono spogliati di fronte a loro. Purtroppo in India la piaga della violenza sulle donne non si arresta.

Leggi anche:“Ma quale stupro. Le sono caduto addosso per sbaglio. E forse…”. Sembra una barzelletta, invece è tutto vero. Una storia (agghiacciante) che sta facendo il giro del mondo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it