“Non si può morire così, a 15 anni. Ora qualcuno deve pagare”. Entra in un ristorante per ordinare da mangiare ma poco dopo questa ragazza, giovane e amata da tutti, inizia a sentirsi poco bene. La drammatica corsa in ospedale, poi la tragedia


 

Una tragedia assurda, senza spiegazioni, che ha lasciato a bocca aperta un paese intero e che ora rischia di avere conseguenze gravi per i diretti interessati. Tutto è successo a Lancashire, in Inghilterra, dove una ragazza di 15 anni è morta all’improvviso dopo essere entrata in un ristorante indiano per mangiare. La giovane, Megan Lee, ha avuto una violenta reazione allergica e due giorni dopo i medici si sono trovati a dover dichiarare il decesso, non essendo riusciti a salvare. Due uomini che lavorano nel locale sono ora indagati per omicidio colposo. Entrambi, secondo le ricostruzioni, sarebbero responsabili di aver causato il decesso involontariamente a causa della loro negligenza: si tratta di due persone di 37 e 38 anni. Megan, che tutti descrivono come una ragazzina allegra e solare e che gli amici soprannominavano scherzosamente “la principessa” per la sua indole spensierata, abitava a pochi metri dal ristorante dove aveva preso da mangiare. (Continua a leggere dopo la foto)







 

Non sono ancora stati resi noti i risultati dell’autopsia, che stabilirà con certezza cosa sia stato a causare il decesso. Probabile però che a uccidere Megan sia stata la presenza di noci, alle quali era allergica, all’interno del cibo che aveva mangiato. Un ingrediente che non era però stato correttamente segnalato nel menù del locale, dettaglio che si è rivelato fatale. (Continua a leggere dopo la foto)






 



 

Disperati i genitori Adam e Gemma, 35 e 33 anni, che hanno descritto la figlia come una persona speciale, “capace di arrivare dritta al cuore degli altri, era il suo dono speciale”. I famigliari, hanno fatto sapere le autorità, saranno informati di ogni futuro sviluppo delle indagini. La notizia dell’arresto dei due ha però scatenato una vera pioggia di proteste in rete: in tanto chiedono ora giustizia per Megan.

“Abbiamo effettuato l’autopsia sul corpo di Jenni”, ecco cosa è emerso dal cadavere della ragazza incinta di quattro mesi, trovata morta in casa sua a Bologna. Lo sfogo della madre su Facebook in una foto choc

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it