“Una tragedia inspiegabile, un dolore troppo forte, insostenibile”. Un paese intero in lutto per la scomparsa dei due gemellini, morti a soli 2 anni in un drammatico incidente


 

Sono stati in migliaia a partecipare questa mattina ai funerali dei piccoli Robbie e Charli Manago, scomparsi a soltanto 2 anni di età in un drammatico incidente domestico mentre si trovavano nella loro abitazione di Sydney, in Australia. Il Paese intero si è commosso di fronte alla terribile tragedia, con i partecipanti che si sono presentati in chiesa rigorosamente vestiti di bianco o con colori solari, come richiesto dalla famiglia, e hanno sfilato accanto alle piccole bare bianche, sulle quali erano stati posati dei mazzi di fiori. Gli altri tre fratelli di Robbie e Charli, Antonia, Bryan and Angelica, hanno portato degli orsacchiotti di peluche con loro. La cerimonia è stata molto commovente, e ha catalizzato le attenzioni di tutti gli abitanti della comunità, accorsi numerosi e tutti visibilmente provati di fronte a una morte impossibile da accettare, arrivata tra l’altro a pochi giorni dalle festività natalizie. (Continua a leggere dopo la foto)







 

Tutto è successo nel giro di pochi istanti, quando i due gemellini si sono allontanati dal controllo dei genitori e degli altri fratelli per andare a giocare nel giardinetto sul retro della loro abitazione. La madre, non vedendoli più, ha iniziato a cercarli in giro per la casa, accorgendosi troppo tardi che erano caduti entrambi in piscina. (Continua a leggere dopo la foto)






 



 

Quando li ha trovati erano già privi di sensi. Subito è scattata la disperata corsa in ospedale, dove i due sono arrivati ancora vivi. Purtroppo Robbie è poi morto il giorno di Natale, mentre il fratellino tre giorni dopo. La donna non riesce a perdonarsi per quel fatale attimo di distrazione ed è apparsa particolarmente provata.

“Stavamo scegliendo insieme il vestito per il ballo della scuola. Ora ne serve uno per il funerale”. La tragedia di Jessica, scomparsa a soli 16 anni. Una storia che ha commosso il mondo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it